Palermo, arrestato il re delle truffe: è di Casale Marittimo

L'uomo aveva truffato molte donne che adescava tramite un social network: era ricercato dal 10 agosto 2010

E' stato arrestato dai Carabinieri a Palermo A.L., 56enne, originario di Casale Marittimo, ricercato dal 10 agosto 2010 per scontare una pena definitiva di cinque anni, 8 mesi e 6 giorni di reclusione emessa per reati di ricettazione e reati fallimentari commessi tra il marzo 1998 e il giugno 1999 in provincia di Udine e Pordenone. L'uomo è considerato un criminale di grande spessore nel campo delle truffe che ha compiuto in tutta Italia. Le sue vittime preferite erano donne sole - vedove o separate - che adescava attraverso un social network e con le quali cominciava convivenze che duravano pochi mesi, quanto bastava per sottrarre loro denaro. Di volta in volta si spacciava come avvocato, medico chirurgo, ingegnere elettronico, docente universitario, prete e riusciva a farsi dare denaro in cambio di prestazioni professionali che poi non erogava. (fonte Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • 'L'Amica geniale' fa tappa a Pisa e alla Normale: appuntamento in prima serata su Rai 1

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

  • Liceo Galilei di Pisa: studenti denunciano offese ricevute dai professori

Torna su
PisaToday è in caricamento