Cronaca

Camorra, blitz anti-droga, ventitre in manette: arresti anche a Pisa

Dall'hinterland napoletano la droga, attraverso corrieri, arrivava anche in Toscana dove veniva spacciata nei locali notturni e nelle discoteche, grazie all'attività di pregiudicati di origine partenopea

Arresti anche in provincia di Pisa dopo l'operazione antidroga, condotta dai Carabinieri di Capua nelle province di Caserta, Napoli, La Spezia e appunto Pisa. Ventitre persone sono state arrestate con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione e spaccio. In manette anche tre donne, tra cui la moglie di un esponente di spicco del clan Bardellino, che guidavano le operazioni a Napoli.

Blitz antidroga, 23 arresti: il traffico era gestito da donne
La droga, dai quartieri di Secondigliano e Ponticelli, veniva trasferita nell'hinterland partenopeo, nelle zone di Caivano e Giugliano in Campania, per il confezionamento e la cessione ai referenti dei clan che gestivano le piazze di spaccio nelle province di Napoli e Caserta. Attraverso corrieri, poi, la cocaina veniva trasferita anche in Sardegna, Liguria e Toscana. Lì, con il supporto di pregiudicati di origine partenopea, veniva spacciata nei locali notturni e nelle discoteche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra, blitz anti-droga, ventitre in manette: arresti anche a Pisa

PisaToday è in caricamento