rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca Ospedaletto

Sorpresi su un'auto rubata con arnesi per scassinare le abitazioni: due pluripregiudicati in carcere

I due uomini, pisani, avevano già l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per reati simili

Nella tarda serata di domenica 29 gennaio, alla Sala operativa della Questura è arrivata la segnalazione della presenza, in zona Ospedaletto, di un’auto modello Ford Focus grigia con due persone sospette a bordo. Sul posto sono giunte tutte le pattuglie disponibili sul territorio e poco dopo una volante ha intercettato il veicolo al termine di un breve inseguimento. Al bordo del mezzo i poliziotti hanno sorpreso due pluripregiudicati pisani, conosciutissimi negli archivi di polizia: un 42enne e un 30enne, entrambi attualmente sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per reati commessi di recente.

Visto lo spessore criminale, entrambi sono stati sottoposti a perquisizione sul posto, che ha consentito di rinvenire sotto il sedile lato guida un piede di porco di circa 40 centimetri e sotto il sedile del passeggero un cacciavite a taglio, oggetti solitamente utilizzati per forzare infissi e serrature e pertanto sottoposti a sequestro. L’automobile inoltre è risultata provento di furto, pertanto è stata restituita unitamente ad altri utensili (diversi dal piede di porco e dal cacciavite) rinvenuti all’interno dell’auto e risultati di proprietà dell'intestatario del veicolo. I due malviventi sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione in concorso e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.

Il Pubblico Ministero di turno ne ha disposto il trattenimento presso le celle di sicurezza della Questura e il giudizio per direttissima nella mattinata di lunedì 30 gennaio. Stamani i poliziotti li hanno scortati in Tribunale, dove il giudice ha convalidato l'arresto e, a seguito della richiesta dei termini a difesa, ha rinviato il dibattimento e sottoposto entrambi alla misura cautelare della custodia in carcere. Pertanto, dopo la notifica delle determinazioni dell'Autorità giudiziaria, sono stati accompagnati al Don Bosco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpresi su un'auto rubata con arnesi per scassinare le abitazioni: due pluripregiudicati in carcere

PisaToday è in caricamento