rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Pontedera

A colpi di piccone danno l'assalto alle slot a Pontedera: arrestati a Firenze

La Polizia è riuscita a fermare la banda, composta da quattro persone, lungo il viadotto dell'Indiano. Nel furgone usato per il colpo c'erano circa 1800 euro di spiccioli

Erano riusciti a portar via tre slot machine da un bar di Pontedera, in via Cei, dopo averne mandato in frantumi la vetrina a picconate; poi, caricata la refurtiva su un furgone rubato, si erano appartati in un campo dove con un flessibile avevano infine ripulito le macchinette di tutte le monete al loro interno.
Ma su quel veicolo e sulla banda responsabile del colpo - composta da quattro cittadini rumeni di età compresa tra i 23 e 31 anni, tutti già noti alle forzi dell’ordine - stava già indagando la Polizia che mercoledì notte ha arrestato tutta la banda recuperando l’intero bottino.

Da alcuni giorni la Squadra Mobile fiorentina stava lavorando ad una serie di furti messi a segno nella zona intorno a via Pistoiese, a Firenze, dove era stato appunto notato un furgone bianco come quello sul quale sono stati successivamente individuati gli arrestati.
Così intorno alle 3.00 di notte le pattuglie della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso hanno intercettato il mezzo che stava rientrando a Firenze proprio dopo il colpo a Pontedera.
Una volta che i malviventi hanno imboccato il viadotto dell’Indiano, percorse poche centinaia di metri, si sono trovati la strada sbarrata da due Volanti.
Intuito immediatamente che quei poliziotti stavano aspettando proprio loro, il veicolo ha effettuato una brusca frenata e i quattro hanno abbandonato il mezzo dandosi alla fuga. In pochi attimi i fuggitivi si sono ritrovati addosso gli agenti della Squadra Mobile che nel frattempo, appreso di quanto avvenuto a Pontedera, li avevano individuati e seguiti a distanza aspettando il momento giusto per ammanettarli.
Nonostante fossero ormai 'caduti in trappola', i fermati non hanno gettato la spugna: hanno cercato di sfuggire agli agenti provando a farsi largo a spintoni, calci, pugni e testate.
Ma alla fine i quattro sono finiti tutti in manette con l’accusa di furto aggravato in concorso. Per il gruppo è scattata anche una denuncia per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale poiché durante le fasi dell’arresto due operatori sono rimasti lievemente contusi (5 i giorni di prognosi per entrambi).

All’interno del furgone la Polizia ha recuperato poco meno di 1.800 euro in monete, oltre a tre picconi, un flessibile e altri strumenti da effrazione.
Visionando i filmati di videosorveglianza del bar scenario del furto, gli inquirenti hanno potuto ricostruire l’intera scena del crimine consumato nel pisano a colpi di piccone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A colpi di piccone danno l'assalto alle slot a Pontedera: arrestati a Firenze

PisaToday è in caricamento