Cronaca San Giusto / Via dell'Aeroporto

Compie una rapina in paninoteca e minaccia il titolare: fermato ladro seriale

Il giovane, appena 21enne, è sospettato di essere l'autore di altri raid notturni avvenuti in città nei mesi estivi. Il malvivente era uscito dal carcere lo scorso aprile

E' stato sottoposto a fermo all’alba di oggi, 16 settembre 2021, a seguito di un’operazione congiunta condotta dalla Polizia di Stato e dall’Arma dei Carabinieri di Pisa, un cittadino italiano di origine moldava di 21 anni, senza fissa dimora, ritenuto responsabile di una rapina ai danni del proprietario di una nota paninoteca di via dell’Aeroporto, avvenuta la sera di martedì.
Il titolare del locale si è ritrovato ad affrontare il ladro mentre lo stesso si era introdotto all’interno per fare razzia di suppellettili ed oggetti hi-tech.
Il commerciante aveva cercato di bloccare il ladro, ma il malvivente, al fine di guadagnarsi la fuga, aveva ingaggiato una colluttazione con la vittima, rimasta poi lievemente ferita. L'esercente è stato poi minacciato: sarebbe stato accoltellato se non avesse lasciato andare il rapinatore.

Le indagini hanno sin da subito consentito di individuare l’autore del reato, attraverso le informazioni fornite dalla vittima e l’individuazione fotografica, in un soggetto di nazionalità italiana ma di origine moldava, già noto per il copioso numero di precedenti penali.
Infatti il moldavo, naturalizzato italiano, annoverava tra i suoi precedenti numerosi episodi di furto, circa 30, commessi a Pisa tra il 2015 e il 2019, fino all'arresto per una rapina commessa a settembre del 2018 in via Bixio ai danni di un quindicenne.

Dal maggio del 2019 all’aprile del 2021, era stato così condannato alla reclusione e successivamente alla detenzione domiciliare con braccialetto elettronico, sino alla sua liberazione per espiazione pena, avvenuta nell’aprile scorso.
In coincidenza con la scarcerazione, il 21enne aveva fatto perdere le proprie tracce, divenendo sostanzialmente senza fissa dimora e, quasi contestualmente, dal mese di giugno, era iniziata una nuova escalation di furti in orario notturno, tipica del suo modus operandi.
Il fermo del rapinatore è frutto di un’articolata attività investigativa, condotta con tecniche tradizionali, attraverso numerosi servizi di appostamento notturno, acquisizioni di notizie confidenziali, condotte durante il periodo di luglio e agosto dalla Squadra Mobile della Questura di Pisa in stretta sinergia con il Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri.

Le tecniche tradizionali si sono rivelate decisive anche per trovare il luogo di dimora, cambiato più e più volte nel corso degli ultimi mesi. L’arresto è giunto al termine di una ricerca nei quartieri più densamente popolati del capoluogo, fino a quando non è stato raggiunto in un appartamento di San Giusto all’alba di questa mattina da Polizia e Carabinieri.

A seguito della perquisizione, che ha portato al sequestro di ulteriori elementi indiziari utili a ricostruire altri episodi di furto avvenuti nel corso degli ultimi due mesi, il giovane è stato sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria. Il pubblico ministero di turno, dr Aldo Mantovani, ha disposto l’associazione in carcere, in attesa dell’udienza di convalida. E' stato possibile procedere al fermo fuori dalla flagranza in virtù del reato compiuto, quello di rapina, e del concreto pericolo che l'autore potesse darsi alla fuga.
Le prove raccolte e sequestrate questa mattina a casa del 21enne saranno confrontate con elementi indiziari raccolti in altri 20 sopralluoghi di furto compiuti a seguito dei raid notturni avvenuti durante il periodo estivo.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compie una rapina in paninoteca e minaccia il titolare: fermato ladro seriale

PisaToday è in caricamento