Ricercato dal 2017, tenta la fuga in sella ad uno scooter rubato: arrestato

Sull'uomo, un 35enne tunisino, irregolare, pendeva un ordine di carcerazione per spaccio di droga e reati contro il patrimonio

Arrestato ieri sera, giovedì 16 gennaio, dalla Polizia di Stato, un latitante di 35 anni, di nazionalità tunisina, pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio.

L’uomo, ricercato nel territorio pisano, è stato catturato dalla Squadra Mobile di Pisa nel quartiere popolare del Cep, in seguito a diversi giorni di osservazioni e appostamento condotte in quella zona dalla Sezione Narcotici per monitorare e contrastare il fenomeno dello spaccio, anche sulla base di alcune segnalazioni di cittadini giunte in Questura.

Proprio durante le attività di osservazione, di fronte ad un negozio di alimentari, gli agenti hanno notato movimenti sospetti da parte di alcuni giovani di nazionalità tunisina, intenti a consumare e a cedere sostanza stupefacente.

Nel gruppo era presente anche un ragazzo di carnagione scura che aveva un’area familiare per gli agenti che osservavano la scena a distanza. L’uomo, infatti, è stato riconosciuto, nel giro di qualche secondo, da uno dei poliziotti appostati: si trattava di una persona sul quale era pendente una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa da Gip di Pisa per reati concernenti gli stupefacenti, risalente al 2017. Dall’epoca, infatti, si erano perse le tracce di quest’uomo, che non era stato più visto né fermato in tutto il territorio nazionale.

Sempre a distanza, mimetizzati tra le macchine in sosta, gli agenti hanno controllato anche il numero di targa dello scooter sopra il quale sedeva il ragazzo, rilevando che si trattava di un mezzo rubato.

Proprio in quel momento, il ragazzo si è congedato dal gruppo, ha rimesso in moto lo scooter, riavviando la marcia. I poliziotti, a quel punto, hanno compreso che era il momento decisivo per intervenire e si sono messi all’inseguimento del mezzo. Nonostante sia stato intimato l’alt, il centauro non ha affatto desistito dal suo intento di sottrarsi all’arresto e ha cercato di darsi alla fuga per le strade del Cep ma, dopo 300 metri, in seguito ad un attimo di esitazione nello scendere da un marciapiede con il motorino, è stato raggiunto dai poliziotti e prontamente ammanettato.

Il tunisino, irregolare con numerosissimi precedenti in materia di spaccio e reati contro il patrimonio commessi tra Parma e Pisa, è stato così arrestato. Con sé l’uomo, oltre allo scooter rubato, aveva anche un modesto quantitativo di cocaina nascosto nel baule del mezzo.
Al termine delle formalità di rito svolte in Questura, è stato associato presso la Casa Circondariale Don Bosco. Lo scooter, un Kymco 250 c.c. di colore bianco, è stato già restituito al legittimo proprietario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

  • 'L'Amica geniale' fa tappa a Pisa e alla Normale: appuntamento in prima serata su Rai 1

  • Liceo Galilei di Pisa: studenti denunciano offese ricevute dai professori

Torna su
PisaToday è in caricamento