Cronaca

Aggredivano e rapinavano giovani in centro: arrestati due membri di una baby gang

I due 17enni avevano accoltellato un ragazzo in via Turati lo scorso 15 giugno. Si trovano in custodia cautelare in attesa dell'interrogatorio di garanzia

La Polizia di Stato di Pisa ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due minorenni emessa dal Gip del Tribunale per i Minorenni di Firenze per i reati di tentata rapina aggravata, lesioni aggravate, rapina consumata e lesioni. L'indagine muove dal grave ferimento avvenuto a Pisa il 15 giugno scorso in pieno giorno in via Turati di un ragazzo di 17 anni, di rientro da alcune compere compiute in Corso Italia. Il ragazzo, mentre percorreva la parallela del corso principale, è stato fermato da due coetanei che hanno tentato di rapinarlo e, alla sua reazione, uno dei due ha inferto un
fendente all'addome della vittima, ferendolo seriamente. Il ragazzo poi è riuscito a raggiungere la vicina piazza Vittorio Emanuele e chiedere soccorso a due militari.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile pisana, diretta dal vice Questore Aggiunto Fabrizio Valerio Nocita, sono partite immediatamente in maniera serrata. Attraverso la descrizione, fornita dalla vittima ai militari prima di perdere conoscenza, sono state avviate le ricerche sul territorio, è stata circoscritta la scena del crimine e da quel punto è iniziata un'analisi capillare di ogni telecamera utile presente nell'area di interesse. Dall'analisi delle prime telecamere è stato possibile individuare la presenza di due ragazzi che si allontanavano dalla scena del crimine pochi istanti dopo la commissione del fatto in direzione della stazione. Alcune ore dopo il fatto, gli agenti della Squadra Mobile, congiuntamente alla sezione Polfer di Pisa, hanno rintracciato presso lo scalo ferroviario pisano due soggetti corrispondenti alla descrizione fornita verbalmente dalla vittima. I due, minorenni, sono stati identificati e perquisiti, uno era stato trovato in possesso di un coltello, che ha fatto scattare la denuncia alla Procura dei Minori.

Le indagini, svolte successivamente sotto il coordinamento del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze dottoressa Roberta Pieri, hanno consentito di ricostruire quasi interamente la dinamica degli eventi accaduti quel pomeriggio. Attraverso l'analisi delle telecamere, è stato possibile ricostruire i movimenti dei due indagati, entrambi 17enni italiani, sin dal loro arrivo alla stazione di Pisa quel pomeriggio. Il successivo passaggio in via Turati viene ripreso da altre tre telecamere e, sebbene l'evento si sia verificato in un 'punto cieco', i due giovani vengono ripresi da una seconda telecamera in una fase successiva al ferimento, mentre si allontanano dalla scena del crimine a passo svelto.

Le immagini li riprendono mentre uno dei due ripone dentro al marsupio un oggetto simile a un coltello, mentre il complice, con il braccio destro, sembrerebbe mimare con un gesto all'altro l'accoltellamento appena compiuto. Decisive, a riscontro dell'attività investigativa condotta, sono state anche le dichiarazioni rese dal ragazzo vittima del tentativo di rapina e del successivo accoltellamento che, alla visione di un fascicolo fotografico fornito dagli investigatori, ha riconosciuto i due autori dell'aggressione. A quel punto, l'attenzione degli investigatori si è soffermata sui due responsabili. Sono state condotte delle approfondite indagini 'osint' (analisi fonti aperte) dalle quali è emerso che i due responsabili erano membri di una baby-gang livornese, frequentatrice del territorio pisano.

Le indagini condotte sui profili social dei soggetti hanno consentito di ricostruire anche un secondo episodio delittuoso, avvenuto la notte del 28 agosto in piazza Garibaldi. In quella circostanza la vittima, un ragazzo 21enne, ha riferito che mentre si trovava in piazza Garibaldi a trascorrere la serata due soggetti, staccatisi da un gruppo più numeroso, lo hanno avvicinato e, con la scusa di chiedergli una informazione, gli hanno sfilato il cellulare. Il giovane a quel punto si è ribellato ed è stato picchiato. Ad incastrare i due autori, anche stavolta, l'analisi delle telecamere, le dichiarazioni rese dalla vittima e da altri testimoni e, inoltre, una maglietta di un club sportivo con il nome di un calciatore noto, che uno dei due rapinatori indossava quella sera e che gli investigatori della squadra mobile, analizzando i profili social dei due sospettati, hanno riscontrato indossata dal ragazzo in alcune fotografie sui social.

Tutti questi elementi, gravemente indiziari, nonché il pericolo di reiterazione del reato della stessa indole hanno condotto il Gip presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze ad emettere una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dei due diciassettenni. Ieri mattina gli agenti della Squadra Mobile di Pisa hanno raggiunto i due ragazzi destinatari della misura. Dopo le perquisizioni, nell'ambito delle quali è stato rinvenuto anche parte
dell'abbigliamento indossato all'atto della commissione delle rapine e numerosi telefoni cellulari sui quali sono in corso degli approfondimenti, i due arrestati sono stati condotti in carcere in attesa dell'interrogatorio di garanzia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredivano e rapinavano giovani in centro: arrestati due membri di una baby gang

PisaToday è in caricamento