menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Latte in polvere, i pediatri dell'Asl 11 in difesa del loro primario: "Ha sempre promosso l'allattamento al seno"

Il dottor Roberto Bernardini, residente a Calcinaia, è uno dei due primari arrestati nell'inchiesta che ha portato ai domiciliari 18 persone. "Fiducia nel lavoro della magistratura: si faccia chiarezza" dicono i colleghi

Una lettera aperta della Federazione Italiana Medici Pediatri dell'Asl 11 di Empoli in sostegno del primario del reparto di Pediatria dell'ospedale San Giuseppe di Empoli Roberto Bernardini, finito ai domiciliari in seguito all'inchiesta sul latte in polvere, che ha portato all'arresto di 18 persone tra pediatri, informatori scientifici e dirigenti di aziende di prodotti per l'infanzia.

I colleghi del dottor Bernardini, residente a Calcinaia, in provincia di Pisa, e molto conosciuto anche nel pisano, si stringono intorno al loro primario.

Ecco la lettera che riportiamo integralmente:

"Come pediatra e rappresentante sindacale FIMP di tutti i pediatri di famiglia dell’ASL 11 di Empoli - afferma nella lettera il dottor Claudio Lelli - intervengo sulla vicenda che vede coinvolto il dottor Roberto Bernardini nell’indagine avviata dalla magistratura pochi giorni fa che ha portato il collega agli arresti domiciliari.

Da quando il dott. Bernardini è primario del nostro reparto di Pediatria, dal luglio del 2007, i rapporti di collaborazione fra la pediatria di famiglia e l’ospedale sono stati sempre molto buoni, collaborativi, rispettosi del proprio ruolo, con ricadute indubbiamente positive nella cura dei piccoli pazienti.

Mi preme sottolineare, per una giusta correttezza di informazione, che nella mia esperienza personale, e degli altri 30 pediatri di famiglia della ASL11, in tutti questi anni non ci è mai capitato di ascoltare una neo mamma, dimessa dall’ospedale, che dicesse di avere subito qualsivoglia pressione di convincimento da parte del dott. Bernardini o altro collega pediatra ospedaliero, per sostituire il latte materno con un qualsiasi latte artificiale.

Abbiamo invece sempre visto incentivare l’allattamento al seno esclusivo fino al sesto mese come recitano le linee guida dell’OMS. La promozione del latte materno è stata, in questi anni, al centro di incontri formativi ed informativi che il dott. Bernardini con il suo reparto e noi pediatri di famiglia abbiamo promosso.

Io e tutti i miei colleghi siamo vicini al dott. Roberto Bernardini e alla sua famiglia in questo momento di difficoltà, auspicando che il lavoro della magistratura, in cui riponiamo la massima fiducia, possa fare rapidamente chiarezza, ponendo fine a questa gogna mediatica". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Indice di massa corporea, cos'è e come si calcola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento