Cronaca

Asfaltature sulle strade pisane, una lettrice: "Un buco tappato dietro l'altro"

Una nostra lettrice si pone alcune domande in merito ai lavori di manutenzione delle strade di Pisa. "Le 'tappature' - dice - sono pericolose per gli scooter perchè mandano la ruota fuori traiettoria"

A proposito delle asfaltature delle strade di Pisa, riceviamo e pubblichiamo una lettera di una nostra lettrice, Federica, che si pone alcune domande.

"Da oggi e per qualche giorno asfaltano un po' di strade in zona via della Spina, Corridoni ecc. Benissimo. Spero solo che non sia per far qualche buco e poi tapparlo a mo' di toppa mal fatta...dico questo perché via Pietrasantina, il lungomare del Calambrone (e forse altre strade fuori dai miei percorsi giornalieri) sono un buco tappato dietro l'altro, la 'tappatura della tappatura' e via cosi in progressione esponenziale: risultato? avvallamenti e dislivelli incredibili, che in macchina ammortizzi (a volte neanche) ma in scooter mandano la ruota fuori traiettoria se non si sta molto molto attenti e a braccia rigide intente a mantenere l'equilibrio.

La domanda è: 1) prima di rifare strade tutto sommato decenti non sarebbe meglio rifare quelle impraticabili e trivellate come un groviera?
2) quando vengono svolti dei lavori che comportano trivellazioni, buche e riasfaltature perché non prevedere nell'appalto che il manto stradale debba essere riportato a 'livello'? Anziché coprire i buchi (a risparmio) creando figure contorte, a onde, a bolli, a strisce ansute e debordanti....fare un bella striscia rettangolare sarebbe meglio: da vedere (queste due strade sono inguardabili..mi chiedo cosa ne pensino i turisti che fanno le vacanze al Calambrone), più 'comode' da percorrere senza richiedere abilita da cross, meno lesive per gli ammortizzatori delle auto, e sicuramente più sicure per moto e bici..."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asfaltature sulle strade pisane, una lettrice: "Un buco tappato dietro l'altro"

PisaToday è in caricamento