rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Asili, la Rsu del Comune: "Continuiamo a rivendicare servizi educativi a gestione diretta"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Continuiamo a rivendicare servizi educativi A GESTIONE DIRETTA
PROSEGUE LO STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE DEI SERVIZI EDUCATIVI ALLA PRIMA INFANZIA
PERCHE’?

Perché DOPO LO SCIOPERO DEL 25 NOVEMBRE CHE HA VISTO UNA ALTISSIMA ADESIONE DA PARTE DI TUTTO IL PERSONALE L’ASSESSORA CHIOFALO E LA GIUNTA INTENDONO APPROVARE IL BILANCIO 2014 PROSEGUENDO CON SCELTE PER NOI INACCETTABILI :
Lo hanno detto nell’incontro di Lunedì scorso richiesto immediatamente dalla RSU e lo ripeteranno alla riunione dei Comitati di Gestione di Mercoledì 4 Dicembre.
L’Amministrazione propone 3 strade:
- una puramente teorica e dai tempi lunghi e dagli esiti incerti- modificare la legge di stabilità! (approvate dalle loro stesse maggioranze
- una impresentabile: chiudere un nido
- una inaccettabile: privatizzare una struttura

Non si vuole prendere in considerazione l’unica strada percorribile: investire sul futuro DELLE NUOVE GENERAZIONI, POTENZIANDO I SERVIZI PUBBLICI DIRETTI con concorsi, stabilizzazioni (invece di licenziamenti e soppressione di posti), scelte importanti sull’uso del tempo determinato
Contestiamo le scelte dell’Amministrazione che hanno determinato solo ricadute negative sul servizio . L’Amministrazione Comunale asserisce di essersi mossa solo nel rispetto delle regole dei patti di stabilità salvaguardando il personale dei servizi educativi
Ma, dati alla mano il numero delle educatrici è passato negli anni da 92 a 69 nel 2013 (attualmente 63, con 6 vacanze di organico ) Di questo personale abbiamo 6 educatrici part time. dal 2007 ad oggi abbiamo un nido pubblico in meno e uno ridotto di 14 posti (saranno due a settembre 2014)
L’accordo con il sindacato del 2011 non è stato rispettato (nonostante i buoni risultati) con la rinuncia , da settembre a dicembre 2013 , alle sostituzioni brevi, con la mancata integrazione dei part time verticali ed orizzontali. Queste scelte hanno ridotto i posti disponibili nei nidi, meno bambini e disagi per l’utenza, aumento dei carichi di lavoro come dimostra l’analisi da stress da lavoro correlato. I disservizi ci sono stati e non certo per responsabilità delle dipendenti.
Non ‘è vero, come dice l’assessora Chiofalo, che nella precedente legislatura non ci sono state esternalizzazioni, basti ricordare il personale ausiliario di alcuni nidi, il sostegno all’handicap, le cucine…

Nelle anticipazioni del bilancio 2014 , per il prossimo anno scolastico, si annuncia
- la dismissione di un nido con 30-36 utenti, l’acquisto di posti in nidi in convenzione (il Comune dismette i suoi servizi per poi comprarli da soggetti privati in convenzione… dov’è la convenienza? E se convenienza ci sarà a pagare i costi saranno lavoratrici con stipendi da 1000 euro al mese)
- l’attivazione di un progetto 0-6 in una struttura convenzionata (invece che nelle proprie a gestione diretta) e per le scuole d’infanzia rinnova la richiesta di
assorbimento da parte dello stato

Scegliere la strada delle privatizzazioni o delle esternalizzazioni vuol dire che, a parità di qualità della offerta del servizio (tutta da verificare) si scarica sulle lavoratrici del terzo settore e del privato il costo del risparmio
Perché?
Perché per lo stesso lavoro si assumono meno insegnanti, ad un salario molto più basso, con tutele ridottissime, con scarsa formazione, con forte precarietà e quindi forte ricattabilità e bassa sindacalizzazione.
Da qui passa il minor costo dei nidi privati e cooperativi: dalla pelle dei lavoratori, spesso solo lavoratrici
Per discutere di questi argomenti la RSU ed il Sindacato organizzeranno in questi giorni un’assemblea del personale per decidere le forme di prosecuzione di mobilitazione.

Rsu e lavoratori e lavoratrici delle strutture educative a gestione diretta Comune di Pisa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili, la Rsu del Comune: "Continuiamo a rivendicare servizi educativi a gestione diretta"

PisaToday è in caricamento