rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Cronaca

Asili nido: servizio prolungato a luglio in tutte le strutture a gestione indiretta

"Un sostegno per le famiglie in difficoltà" dice l'assessore di Pisa Sandra Munno. Polemico il sindacato Cub

Il Comune di Pisa prolunga il servizio di asilo nido al mese di luglio nelle 5 strutture del Comune a gestione indiretta, ovvero Isola della Farfalle a Porta a Lucca, San Biagio a Cisanello, Snoopy a Riglione, San Rossore e Albero Verde a Putignano. La Giunta Comunale ha approvato un atto di indirizzo con cui introduce l’estensione del servizio, negli anni scorsi limitata solo ad alcune strutture, oltre il limite tradizionale del 30 giugno in tutti e 5 gli asili, per andare incontro alle esigenze lavorative di molte famiglie.

Gli uffici della Direzione servizi educativi provvederanno a pubblicare gli avvisi rivolti a tutte la famiglie con bambini che frequentano i servizi educativi 0-3 anni, per rilevare l’interesse dei genitori e provvedere all’attivazione del servizio, sulla base di un numero minimo di bambini iscritti. Saranno in tutto circa 150 i posti nido, 30 in media per ogni asilo nido, a disposizione delle famiglie con bambini piccoli: ferma restando la priorità riservata ai bambini che già frequentano le strutture, sarà possibile anche per i bambini degli altri asili nido comunali a gestione diretta accedere al servizio, in base alla disponibilità dei posti.

"Abbiamo deciso come Amministrazione - spiega l’assessore alle politiche educative e scolastiche Sandra Munno - di farci carico delle esigenze espresse negli anni scorsi dalle famiglie con bambini piccoli, prolungando il servizio nido che sarebbe naturalmente cessato il 30 giugno, anche per il mese di luglio. Abbiamo così istituzionalizzato un progetto pilota partito inizialmente soltanto all’Isola delle Farfalle, e introdotto lo scorso anno in via sperimentale al San Biagio e San Rossore, estendendolo da quest’estate a tutte le strutture in maniera stabile. Riteniamo prioritario assicurare, in questo particolare momento storico, dopo con due anni di pandemia e di difficoltà economiche, il necessario sostegno alle famiglie, con particolare riferimento a quelle in condizione di fragilità sociale ed economica, o in presenza di minori con disabilità, per le quali i servizi educativi rappresentano una preziosa opportunità. Una novità importante per le famiglie, su cui abbiamo investito come Amministrazione Comunale decidendo di mettere a disposizione ulteriori risorse da parte del Comune, che si aggiungono agli investimenti già fatti a sostegno dei servizi rivolti alle famiglie con bambini piccoli, tra cui i progetti per ampliare l’orario di apertura del servizio degli asili nido".

Polemico il sindacato Cub

"I sindacati - scrive in una nota Cub Comune di Pisa - non sono stati messi a conoscenza della decisione, arrivata dopo l'incontro in Prefettura con i sindacati degli appalti (tra i quali la Cub) conclusosi con l'impegno dell'assessore Munno di comunicare entro poche settimane gli stanziamenti necessari per salvaguardare i posti di lavoro nella refezione. Sono mesi che l'assessora Munno non incontra perfino la Rsu del Comune ed oggi apprendiamo che il servizio nido sarà aperto, pur in parte, anche nel mese di luglio".

Sul punto dell'estensione a luglio "la Cub ritiene che il modo migliore per offrire servizi alle classi sociali meno abbienti e alla cittadinanza tutta debba scaturire da ben altre decisioni, quali: aumento dei posti nei nidi comunali con la reinternalizzazione delle strutture e del personale che in esse opera; ridurre i costi dei servizi; aumentare gli organici dei servizi educativi. Sosteniamo inoltre che, viste le alte temperature del mese di luglio, sia necessario valutare l'adeguatezza delle strutture a garantire temperature adeguate per il benessere dei bambini e delle bambine, un aspetto rilevante da cui dipenderà anche il reale sostegno alle famiglie. Non dobbiamo infatti cadere nell'errore di scambiare il nido con una sorta di babysitteraggio aperto 11 mesi l'anno per 12 ore al giorno. Detto questo, qualora fossero presenti tutti i requisiti come quelli prima citati, sarebbe utile prevedere dei servizi aggiuntivi per il mese di luglio con personale a tempo determinato favorendo in questo modo le lavoratrici ed i lavoratori precari anche in vista di futuri concorsi negli enti locali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido: servizio prolungato a luglio in tutte le strutture a gestione indiretta

PisaToday è in caricamento