Asili e scuole dell'infanzia: rinviato lo sciopero per chiedere più educatrici

Le Rsu del comune e le organizzazioni sindacali hanno posticipato la protesta dal 26 marzo al 2 aprile

La Rsu del Comune di Pisa e le organizzazioni sindacali Fp-Cgil e Sgb hanno deciso di rinviare lo sciopero dei servizi educativi previsto inizialmente per il 26 marzo, posticipandolo al 2 aprile dalle ore 15:30 alle 16:30. "La ragione del rinvio - spiegano - è dettata da due motivi: la richiesta della Commissione di Garanzia di rispettare la normativa che impone scioperi brevi alla prima o all'ultima ora di turno e consentire allo stesso tempo la presenza del personale ad un corso obbligatorio di formazione".

Lo sciopero viene quindi solo rinviato di pochi giorni, così come il presidio davanti a Palazzo Gambacorti. "Le ragione della nostra mobilitazione - continuano le organizzazioni sindacali e le Rsu del comune - non sono cambiate, il disagio vissuto da educatrici, insegnanti, custodi, cuoche, genitori e cittadini è lo stesso di sempre: i servizi educativi sono a rischio di sopravvivenza perchè agli occhi di tanti amministratori appaiono fonte di spesa eccessiva, spesa da tagliare al pari di tanti altri servizi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ragioni della protesta

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: muore studente universitario di 30 anni

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus, sostegno alle famiglie indigenti: buoni spesa da 100 euro

Torna su
PisaToday è in caricamento