Solidarietà, in quattro giorni assegnati Buoni Alimentari Pisani a 300 famiglie

252 sono stati già consegnati e gli altri lo saranno all’inizio della settima prossima

In quattro giorni di attivazione (da martedì 5 maggio scorso) dei Buoni Alimentari Pisani, realizzati grazie alle donazioni della Fondazione Pisa, di imprese e cittadini, sono stati assegnati buoni a 300 famiglie residenti nel Comune di Pisa per un valore complessivo di 94.550 euro. Di questi, 252 sono stati già consegnati e gli altri lo saranno all’inizio della settima prossima.

La Giunta comunale aveva attivato i nuovi Buoni Alimentari dopo che a fine aprile erano state esaurite le risorse del Governo, 471mila euro, distribuite a 1.468 famiglie (60% stranieri, 40% italiani) e che la Società della Salute aveva consegnato Buoni spesa per circa 30mila euro. Le risorse per i nuovi Buoni, che non potranno essere richiesti da chi ne ha già usufruito, saranno pari a 270.000 euro; le rimanenti risorse, frutto delle donazioni, saranno destinate alla Società della Salute per provvedere alle esigenze alimentari dei soggetti più fragili.

I Buoni Alimentari Pisani sono attivati grazie alla campagna di solidarietà 'Facciamo i Buoni', che permette a imprese e cittadini di fare una donazione con un versamento sul conto corrente della Tesoreria comunale intestato a Comune di Pisa (Banca di Pisa e Fornacette - IBAN: IT96 B 08562 70910 000010624856 - causale: DONAZIONE FACCIAMO I BUONI. ART 66 DL 18/2020). La Fondazione Pisa ha donato 300.000 euro.

Tra i criteri per i nuovi Buoni Alimentari Pisani sono la residenza nel Comune di Pisa, reddito mensile non superiore ai 500 euro e il non avere già usufruito dei precedenti Buoni. Sul sito del Comune di Pisa il dettaglio dei criteri, dei numeri di telefono da contattare e degli orari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento