Sanità: assunti 6 giovani laureati dall'Asl per migliorare i processi gestionali

I nuovi ingressi con contratto di formazione lavoro opereranno per migliorare i servizi, in particolare per il comparto digitale e di gestione

Con l’inizio dell’anno nell’ambito dell’Azienda Usl Toscana nord ovest hanno preso servizio 6 giovani laureati, tutti di età inferiore ai 32 anni, con contratto di formazione lavoro. I neo assunti vanno a supportare i processi di organizzazione e sviluppo del dipartimento di staff della direzione generale, i percorsi legati alle liste di attesa chirurgiche, alla dematerializzazione dei processi sanitari, al controllo di gestione del settore ospedaliero ed al tema sempre più d’attualità dei 'big data'.

Nello specifico, i nuovi professionisti che dal 1° gennaio 2020 rafforzano la squadra dell’Asl su queste tematiche strategiche sono: gli ingegneri gestionali Matilde Sensi, Andrea Spiacci e Fabiola Sassone, in forza alla struttura Programmazione Produzione e Gestione Operativa; il dottore in Economia Carlo Giuntella, che entra a far parte della struttura Controllo di Gestione; il dottore in Statistica Claudia Leo, inserito nella struttura Business Intelligence; il dottore in Informatica Paolo Nasuto, che fa parte del Dipartimento di Staff della Direzione Generale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta - evidenzia il direttore del Dipartimento di Staff della Direzione Generale Alessandro Iala - di figure giovani, motivate e pronte ad essere protagoniste del nuovo impulso che la Direzione sta fornendo all’Azienda, in termini di programmazione delle attività e di analisi dei processi. Il 2020 sarà infatti un anno ricco di cambiamenti, grazie all’utilizzo di modelli gestionali propri della Sanità 4.0, perché per ottenere il massimo dei benefici che la tecnologia può garantire nel settore sanitario è fondamentale il disegno di una strategia digitale chiara e integrata in tutti gli ambiti di innovazione, che parta ovviamente dalla conoscenza approfondita del livello attuale di maturità digitale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ancora un incidente in superstrada: 6 feriti

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Bimbo del nido positivo al Coronavirus: classe in quarantena

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 147 nuovi casi: a Pisa 21 positivi in più e 1 decesso

  • Caso sospetto di Covid nel personale scolastico: chiuso asilo di Pontedera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento