Assunzione diretta di Geofor, Diritti in comune: "Grande vittoria dei lavoratori. Ora estendiamo il principio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La decisione della Geofor di non aggiudicare l’appalto per la raccolta dei rifiuti nei Comuni dell’area pisana e soprattutto l’annuncio di voler procedere all’assunzione diretta del personale prima esternalizzato, impiegato da AVR, ATI e GeeCo, rappresenta una straordinaria vittoria dei lavoratori. Per lunghi anni, con scioperi, blocchi e manifestazioni, sono stati i lavoratori a denunciare le condizioni di iniquità e insicurezza in cui operavano, rivendicando un principio fondamentale - parità di salario a parità di mansioni - e richiedendo per tutti l’applicazione del contratto dell’igiene ambientale ASSO-Federambiente. 
Siamo orgogliosi di avere sostenuto e portato avanti queste battaglie (quasi sempre da soli in Consiglio comunale), che oggi portano a un primo risultato storico. Abbiamo sempre creduto che questa fosse la strada da percorrere contro la logica dominante: quella di sottomettere la gestione dei servizi al mercato, alla ricerca del profitto e della rendita, a discapito dei diritti dei lavoratori e degli utenti. Nei programmi con cui ci siamo presentati alle elezioni abbiamo sempre portato avanti sia la parità di salario a parità di lavoro nel sistema degli appalti, sia la reinternalizzazione dei servizi come garanzia della qualità del lavoro. Per dare concretezza ai nostri programmi, abbiamo portato avanti queste rivendicazioni dentro e fuori le istituzioni, riuscendo a far approvare all’unanimità dal Consiglio Comunale di Pisa una mozione per applicare la parità di salario a parità di mansione nei presenti e futuri contratti esternalizzati del Comune e di tutte le Società partecipate, con riferimento al contratto di lavoro in vigore presso l’ente appaltante.
Si tratta adesso di vigilare affinché l’annuncio della Geofor sia seguito da fatti conseguenti e l’assunzione diretta dei lavoratori si svolga correttamente, alle condizioni richieste, e senza problemi per la raccolta. La battaglia per noi deve proseguire, estendendosi ad altri settori: anche altri servizi, duramente penalizzati quanto a retribuzioni e condizioni di lavoro, come ad esempio quelle delle pulizie del Comune, devono cessare di essere esternalizzati sulla pelle dei lavoratori e delle lavoratrici.

 
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento