Cronaca

Attentato di Brindisi: momenti di confronto con gli studenti

Questa mattina nelle scuole della provincia sono stati promossi incontri di riflessione con amministratori comunali e provinciali sulla tragedia che ha sconvolto l'intero Paese

Scuole della Provincia insieme ad autorità e istituzioni questa mattina dopo il terribile attentato di sabato a Brindisi.

A Pisa il sindaco Marco Filippeschi, il presidente della Provincia Andrea Pieroni, il presidente del consiglio comunale Titina Maccioni e il presidente di quello provinciale Consuelo Arrighi, e tutti gli assessori e consiglieri comunali e provinciali, sia di maggioranza che di minoranza, si sono divisi su tutte le scuole cittadine per condividere con insegnanti e studenti un momento di riflessione sul grave episodio di Brindisi. Prima dell'inizio delle lezioni, è stato anche osservato un minuto di silenzio in memoria di Melissa, la giovane morta nello scoppio.

"Ho proposto - ha poi concluso Titina Maccioni, presidente del consiglio comunale di Pisa - che mercoledì prossimo, 23 maggio, con inizio alle 15 si tenga un consiglio comunale straordinario commemorativo in occasione del 20° anniversario della strage di Capaci".

Autorità impegnate con gli studenti anche a Pontedera, dove i ragazzi si sono mostrati profondamente toccati dall'attentato. "Sabato mattina avevamo convocato un consiglio comunale straordinario e informale con i sindaci della Valdera e il presidente dell’Unione dei Comuni David Turini e con la partecipazione di tanti cittadini, forze politiche e sociali del nostro territorio - afferma il sindaco pontederese Simone Millozzi - oggi abbiamo voluto continuare la riflessione e coinvolgere i giovani. Mi sono trattenuto nella scuola, a dialogare con gli studenti che hanno voluto partecipare molto intensamente a questa iniziativa. Ho ascoltato con molta attenzione le loro numerose riflessioni, le loro legittime preoccupazioni, le loro aspettative: l’incontro è durato quasi tre ore. Ne sono uscito arricchito, come cittadino e come sindaco di questa città. Convinto della necessità di creare ulteriori momenti di confronto e di relazione, che fanno crescere la coesione sociale delle nostre comunità, che ci fanno sentire uniti e solidali. Mi sono state rivolte molte domande - prosegue Millozzi - abbiamo parlato delle prospettive per i giovani in questa società, della crisi economica e della politica, della necessità che le nuove generazioni portino il loro contributo alla crescita del Paese, al rinnovamento delle classi dirigenti di questo Paese. Insieme ai giovani abbiamo voluto sottolineare e biasimare la scelta dell’obiettivo dell’attentato: chi vuole colpire i giovani e la scuola vuole colpire il futuro e l’innocenza. Non è accettabile tutto questo".
Ecco gli amministratori comunali e provinciali che hanno partecipato agli incontri con gli studenti delle scuole di Pontedera: il consigliere provinciale Bartoli (ai Licei), Lucia Curcio e Miriam Celoni (all’Istituto "Montale"), il vicesindaco Massimiliano Sonetti e Olivia Picchi (al "Fermi"), gli assessori Liviana Canovai e Matteo Franconi (all’Ipsia), i consiglieri Claudia Bernardi e Alessandro Puccinelli( al Linguistico), l’assessore Stefano Tognarelli e la presidente del consiglio provinciale Consuelo Arrighi (all’Iti).

 

 



 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato di Brindisi: momenti di confronto con gli studenti

PisaToday è in caricamento