Cronaca

Aumenti biglietto autobus, Ricci (Ucic): "E' inaccettabile"

Il consigliere comunale sottolinea come l'aumento del prezzo del biglietto sia una decisione paradossale, in un momento in cui il sistema è al collasso e la gara regionale per il trasporto pubblico su gomma non è ancora stata pubblicata

"La notizia sembra paradossale: nonostante una richiesta in aumento anche a causa della crisi, il sistema di trasporto pubblico è al collasso, le linee sempre meno, la qualità degli autobus sempre peggiore, e l'unica risposta che si riesce a mettere in campo è quella dell'aumento del costo del biglietto". E' sconcertato  Marco Ricci, consigliere comunale per Una città in comune, che boccia con fermezza l'aumento del biglietto del trasporto pubblico, approvato dalla Giunta Comunale pisana. "Non è una iniziativa presa dal Comune di Pisa è vero, è richiesta dalla Regione per rendere più morbido il passaggio alla nuova tariffa regionale prevista in addirittura 1,50 euro a biglietto - precisa Ricci - ma non è ugualmente accettabile che in una situazione in cui ancora non è uscita la gara regionale per il trasporto pubblico su gomma, che dovrà sciogliere numerosi nodi in termini di risorse destinate, di tutela delle linee deboli, tutela dei lavoratori, si proceda proprio con l'aumento generalizzato delle tariffe".

"Ancor più grave per noi che abbiamo sempre sostenuto una direzione opposta, che punti ad aumentare gli utenti e abbassare i biglietti, perseguendo inoltre il principio costituzionale di progressività, importantissimo in questo periodo di maggiore difficoltà, anche nelle tariffe - conclude il consigliere comunale - principio che invece viene sempre più contrastato da chi governa il paese e la nostra città".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumenti biglietto autobus, Ricci (Ucic): "E' inaccettabile"

PisaToday è in caricamento