rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Pontedera / Corso Giacomo Matteotti

Pontedera: con l'auto (ancora) dentro l'atrio del Comune

Un uomo di 47 anni, come già avvenuto due anni fa, è nuovamente entrato a Palazzo Stefanelli a bordo di un'auto. Condanna del sindaco Millozzi

Lo ha fatto di nuovo. A distanza di quasi due anni da quel settembre 2015 il 47enne alla guida di un'auto ha ancora una volta fatto irruzione nell'atrio del Comune di Pontedera, causando qualche danno alle strutture. E' successo nella notte appena trascorsa, tra domenica 6 e lunedì 7 agosto.
A denunciare l'accaduto il sindaco Simone Millozzi su Facebook: "Questa notte lo stesso individuo di circa due anni fa, ancora lui, sempre lui è di nuovo entrato con la macchina dentro l'atrio del comune. Agli agenti che lo hanno arrestato 'farneticava' i soliti slogan contro gli stranieri. Nei social network già dalla notte compaiono versioni che parlano della decisione del comune di 'sfrattare da una casa una cittadina italiana disabile per mettere dentro degli africani'; queste affermazioni non corrispondano assolutamente a verità e sono il frutto di una campagna di odio e di intolleranza ormai evidente in certi 'gruppi virtuali' presenti sulla 'rete'".
 

L'uomo dopo aver sfondato il portone e la vetrata interna di Palazzo Stefanelli si è allontanato ma è stato rintracciato poco dopo dai Carabinieri di Pontedera e dal comandande della Polizia Municipale. Proprio il comandante è stato minacciato a morte e afferrato per un braccio dal 47enne, che gli ha provocato lievi lesioni. L'uomo è stato poi accompagnato in Caserma.
Il motivo del gesto è riconducibile ad una azione di protesta contro la mancata assegnazione di un alloggio popolare. L'uomo è stato arrestato per danneggiamento aggravato, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e verrà giudicato con rito direttissimo davanti al Tribunale di Pisa stamattina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera: con l'auto (ancora) dentro l'atrio del Comune

PisaToday è in caricamento