Ambiente ed energia: Acque spa sale in auto...elettrica

E' stata presentata a Pisa la nuova auto elettrica del gestore idrico toscano che rafforza la propria politica per ridurre le emissioni e risparmiare energia: 37,5 tonnellate di CO2 in meno nell'atmosfera ogni anno

Un'altra auto completamente elettrica si aggiunge al parco di mezzi zero-emissioni della città di Pisa. Si tratta della prima consegnata oggi ad Acque Spa alla presenza del presidente Giuseppe Sardu e del sindaco di Pisa Marco Filippeschi. Per il Gestore idrico di Pisa e del Basso Valdarno è l'occasione più in generale per presentare il proprio impegno nei confronti dell'ambiente, attraverso l'utilizzo di mezzi e veicoli a basso impatto inquinante, e sul fronte del risparmio energetico.
L'energia, elettrica e combustibile, infatti, rappresenta una delle voci di spesa più consistenti per un'azienda che gestisce il ciclo del servizio idrico: dal pompaggio delle acque di falda ai trattamenti di potabilizzazione, dai processi depurativi al funzionamento degli apparati remoti, fino, appunto, al parco mezzi aziendale. Da qui l'esigenza di sostituire progressivamente i veicoli più obsoleti esclusivamente con mezzi a metano o ibridi. Un impegno cominciato nel 2007 e che ha portato oggi circa metà dell'intero parco mezzi di Acque Spa (tra utilitarie e mezzi da lavoro) ad essere composto da vetture alimentate a metano, con un risparmio economico sui carburanti stimato in oltre il 60%.

Oggi l'avvento della prima Smart Elettric Drive aziendale diviene una scelta sostenibile anche grazie allo sviluppo a Pisa del progetto "e-mobility Italy" che consente in vari punti della città di approvvigionarsi di energia elettrica presso le colonnine pubbliche collocate in punti strategici del territorio. La vettura, equipaggiata con motore elettrico a zero emissioni da 30 kW (41 CV), dotata di una batteria agli ioni di litio, per una percorrenza di 135 km, a differenza di una normale auto a carburante, eviterà di immettere 37,5 tonnellate di CO2 nell'atmosfera l'anno.Smart Elettric Drive

La volontà di Acque Spa di dotarsi di un'auto elettrica va inoltre nella direzione di sostenere lo sviluppo tecnologico e l'innovazione, in particolare nel campo del contenimento dei costi energetici. Importanti risultati sono stati ottenuti sia nel settore acquedotto che in quello depurazione. Nel primo caso grazie all'automazione dei sistemi di pompaggio e la regolazione delle pressioni di esercizio delle reti idriche. Nel secondo attraverso la sperimentazione di dispositivi di telecontrollo, capaci di ottimizzare i consumi energetici indiretti degli impianti di depurazione di piccola potenzialità che, minimizzando le esigenze di conduzione e manutenzione locale dell'impianto, consentiranno una riduzione stimata nel 9% dei consumi energetici complessivi e una gestione impiantistica più efficiente e affidabile. Mentre nei depuratori più grandi, sempre in fase sperimentale, si è incominciato a produrre energia elettrica dal biogas prodotto dai digestori anaerobici, i cui primi risultati sono attesi nel prossimo autunno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Johnny Depp e Jeff Beck all'aeroporto di Pisa

  • Meteo: dal 20 gennaio la possibile svolta fredda

  • In stato confusionale si mette una catena al collo e si getta in Arno

  • Si dà fuoco dopo la notifica di sfratto: morto 41enne

  • Ikea ritira dal mercato un bicchiere da viaggio: può contenere sostanze tossiche

  • Olio di semi miscelato con il carburante: sequestrato distributore sull'Aurelia

Torna su
PisaToday è in caricamento