Cronaca

Asili, azzerate le liste d'attesa: (quasi) tutte le famiglie sono state accontentate

Soddisfazione espressa da parte dell'assessore Chiofalo. Il lavoro di contatto con le famiglie e la ricerca della miglior soluzione rispetto alle richieste ed alle esigenze dei genitori ha portato i suoi frutti

Ad una settimana dall’apertura dell’anno scolastico 2013/2014 il Comune di Pisa ha azzerato le liste di attesa sia negli asili nido che nelle scuole d’infanzia. Nonostante l’aumento delle iscrizioni, il lavoro di contatto con le famiglie e la ricerca della miglior soluzione rispetto alle richieste ed alle esigenze dei genitori ha portato i suoi frutti.

Un lavoro capillare che ha permesso di accontentare quasi tutte le richieste con proposte ad hoc e mirate alla qualità del servizio offerto. In tutto questo non è stato fatto ricorso ai voucher né per nidi (per i quali è già in atto un bando regionale) né per le scuole d’infanzia (per i quali il bando uscirà nel mese di ottobre).

“Siamo soddisfatti di aver potuto offrire ad ogni famiglia una soluzione di alta qualità educativa il più possibile vicina alle aspettative ed esigenze organizzative a tariffe invariate - ha dichiarato l’assessore Marilù Chiofalo - leggiamo con attenzione il dato sulla insostenibilità dei costi tra le motivazioni che hanno determinato rinunce e su questo ci auguriamo che il milione di euro (derivante dall’avanzo di amministrazione del 2012) e destinato dal Consiglio Comunale, alle famiglie possa fornire  alcune risposte dirette o indirette. Tutto questo - conclude la Chiofalo - è stato fatto nonostante i vincoli di spesa ai quali gli Enti locali sono sottoposti. Continueremo a monitorare la situazione risolvendo eventuali criticità residue”.

Ecco nel dettaglio la situazione.

ASILI NIDO:

Per l'anno educativo 2013/14 sono stati messi a disposizione dei nuovi richiedenti 319 posti (di cui 69 posti lattanti a tempo pieno; 197 posti divezzi  e 53 posti in centro giochi educativo).

Di questi sono stati assegnati 65 posti ai lattanti; e 224 tra divezzi a tempo pieno e centri gioco per un totale di 289 assegnazioni.

Rinunce nei nidi prescelti dai richiedenti

Hanno presentato rinuncia al servizio 9 lattanti e 52 divezzi = Totale rinunce 61
Le motivazioni delle rinunce si possono collegare a:

- richiesta del servizio non particolarmente motivata
- insostenibilità dei costi (i costi sono invariati rispetto allo scorso anno. Le fasce ISEE sono 10 e che i costi sono differenziati anche per tipologia. Si va dalla totale esenzione fino al costo massimo di 421,00 euro/mese. Il contributo delle famiglie è pari al 20% del costo del servizio.)
- trasferimenti per motivi di lavoro

Altre rinunce

A circa 20 famiglie sono state proposte soluzioni diverse da quelle richieste poiché in alcuni nidi era stata esaurita la lista di attesa. A queste 20 famiglie gli è stata comunque mantenuta la possibilità di essere inseriti nei nidi prescelti nel caso in cui si libereranno ulteriori posti.
Al 18 settembre rimangono ancora disponibili circa 25 posti nei Centri Gioco e 4 nei Nidi Comunali a gestione diretta/indiretta.
Tutti i richiedenti sono stati contattati in tempo utile per accedere al servizio nido.

SCUOLE D’INFANZIA

Per l'anno educativo 2013/14 sono stati messi a disposizione dei nuovi richiedenti 571 posti distribuiti nelle scuole dell’Infanzia Statale, Comunale e Sezioni Pegaso (sezioni istituite dalla Regione Toscana in compartecipazione con il Comune)
Sono pervenute nei termini previsti 633 richieste di iscrizione distribuite nei vari Istituti Scolastici.
Sono stati assegnati 551 posti e pervenute 76 rinunce.
Alcune famiglie (6) hanno rifiutato il posto in strutture educative diverse da quelle richieste.
Anche questo anno l'obiettivo di azzerare le liste di attesa è stato raggiunto e sono ancora disponibili circa 5 posti. Tutti i richiedenti sono stati contattati e gli è stata offerta la possibilità di accedere al servizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili, azzerate le liste d'attesa: (quasi) tutte le famiglie sono state accontentate

PisaToday è in caricamento