Cronaca Centro Storico / Piazza del Duomo

Bancarelle in Piazza Duomo, Confesercenti rilancia: "Si spieghi la rottura per ricompattarsi"

Lunedì pomeriggio assemblea degli ambulanti per analizzare le ipotesi di una sede alternativa a piazza Manin. Saranno presenti anche le 2 associazioni di categoria. Dura Confesercenti: "Atteggiamento inspiegabile, la montagna ha partorito il topolino"

Prosegue il dibatto su quella che sarà la futura collocazione dei bancarellai del Duomo. Alle 18, presso l’Hotel Duomo, gli ambulanti si riuniranno in assemblea per analizzare le ipotesi di una sede alternativa a piazza Manin, una volta che l’amministrazione comunale avrà messo nero su bianco il probabile divieto definitivo al rientro in piazza dei Miracoli. I rappresentanti hanno invitato ad intervenire anche le due associazioni di categoria, Confesercenti e Confcommercio, alla luce dell'annuncio di quest'ultima di un nuovo progetto per collocare i banchi nell'area ospedaliera dietro l'attuale muro che divide il Santa Chiara dalla piazza.

Sul tema interviene il responsabile dell'area pisana di Confesercenti, Giulio Garzella. "Alla fine - commenta Garzella - la montagna ha partorito il topolino. La soluzione individuata da Confcommercio, almeno come area scelta, ripropone quella dell’architetto Salvatore Re presentata nel lontano 1997. In effetti ci aspettavamo qualcosa di più e di molto diverso da una semplice riproposizione, oltretutto peggiorativa, di quel progetto, da noi più volte caldeggiato. Un progetto, peraltro, già sottoscritto dall'amministrazione comunale, dalla stessa Sovrintendenza e appaltato dalla giunta Floriani".

Garzella critica l'atteggiamento di Confcommercio e invoca maggiore unità tra le associazioni di categoria. "A questo punto - prosegue il responsabile di Confesercenti Pisa - non riusciamo a capire il motivo per cui Confcommercio, sette o otto mesi fa, abbia deciso di rompere il fronte unitario per poi approdare, muro più o muro meno, allo stesso punto di partenza. E cioè a quella proposta che, in quel caso unitariamente, lanciammo a fronte delle indicazioni del Comune di trasferire il mercato al parcheggio scambiatore. Ci auguriamo che nell'assemblea convocata dagli operatori quelle motivazioni vengano spiegate per chiarire i contorni e ricompattarci su proposte condivise e sostenute con maggiore incisività. Non dimentichiamoci che nel frattempo la situazione commerciale ed economica di molti operatori è peggiorata e molti di questi stanno entrando nella fascia della povertà".

L'ultima considerazione del responsabile di Confesercenti è per l'amministrazione comunale. "Anche in questa fase - denuncia Garzella - si registra ancora una volta il silenzio assoluto dell'Amministrazione che, a nostro avviso, denota la totale indifferenza nei confronti di un importante settore dell'economia della città come il commercio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarelle in Piazza Duomo, Confesercenti rilancia: "Si spieghi la rottura per ricompattarsi"

PisaToday è in caricamento