Bancarelle in Piazza Duomo, l'idea: "Banchi su Ape Piaggio elettrici"

Confesercenti ha fatto la proposta al Comune di Pisa e già si è mossa per far sviluppare un design che consenta l'utilizzo dei mezzi

Foto esemplificativa da sito Piaggio

Confesercenti Toscana Nord ha presentato al sindaco Michele Conti e all'onorevole Edoardo Ziello il progetto per il rientro in piazza dei Miracoli delle bancarelle, piano che ha avuto il via libera da parte dell'assemblea degli operatori interessati, convocata martedì sera presso la sede dell'associazione in via Ponte a Piglieri.

L'idea di Confesercenti Toscana Nord è quella di allestire le nuove bancarelle su mezzi Ape Piaggio 400 elettrici, appositamente modificati dal designer torinese Umberto Palermo. "Tutto è partito - spiega Gianmarco Boni, presidente del Consorzio Pisa dei Miracoli - da un’idea del vicepresidente area pisana di Confesercenti Massimo Rutinelli: perché non mettere la merce del Duomo su un mezzo conosciuto in tutto il mondo come l’Ape Piaggio? Dall’idea alla partenza del progetto è davvero passato un attimo. Come primo passo abbiamo messo al corrente il sindaco Conti e l’onorevole Ziello del nostro progetto che sicuramente avrebbe sparigliato le carte in tavola fino ad ora. Una volta avuto il loro pieno sostegno, abbiamo contattato immediatamente la Piaggio incontrando il direttore del settore veicoli commerciali Vincenzo Scardigno. L’idea è piaciuta alla casa pontederese che ci ha anche suggerito il designer torinese Umberto Palermo in grado di personalizzare l’Ape in base alle nostre esigenze".

"Le bancarelle quindi diventerebbe mezzi mobili - ha aggiunto il presidente Anva Roberto Luppichini - elettrici e non inquinanti, distribuiti in piazza dei Miracoli, piazza Arcivescovado e via Maffi. Come associazione abbiamo sempre lavorato ad una soluzione che consentisse il rientro in piazza dei Miracoli, rispettando tutti i vincoli dettati dall’importanza dell’area monumentale. Questa idea è secondo noi vincente perché avrà un impatto davvero unico attraverso un marchio come Piaggio che è sinonimo di made in Italy".

La conclusione del presidente area pisana di Confesercenti Luigi Micheletti: "Abbiamo sottoposto il nostro progetto al sindaco Conti ed all’onorevole Ziello in un incontro avuto sabato scorso perché si potesse far partire l’iter soprattutto con il ministero. Siamo già a lavoro con gli operatori per predisporre i prototipi dei mezzi da sottoporre al Comune. Operatori che ovviamente garantiranno anche una qualità merceologica consona all'area monumentale. Tutti aspetti, è bene ricordarlo, già previsti nell'attuale piano del commercio".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 ottobre

Torna su
PisaToday è in caricamento