Sul litorale pisano sventolano 4 Bandiere Blu

La cerimonia lunedì mattina al Porto di Pisa. Un riconoscimento che dunque torna sulla nostra costa in un periodo particolarmente difficile a causa del Coronavirus

Issata questa mattina, lunedì 22 giugno, la Bandiera Blu 2020 assegnata al Litorale Pisano dalla ong danese Fee, Foundation for Environmental Education. Anche per quest’anno sono quattro le Bandiere Blu che sventolano sulle spiagge di Calambrone, Marina di Pisa, Tirrenia, e sull’approdo turistico del Porto di Pisa. La cerimonia dell’alzabandiera ufficiale si è svolta al Porto di Pisa, alla presenza del sindaco di Pisa Michele Conti, dell’assessore all’Ambiente Filippo Bedini, dell’assessore al Turismo e litorale Paolo Pesciatini, del presidente della FEE Claudio Mazza in collegamento da Roma e dell’amministratore del Porto di Pisa, Simone Tempesti. A seguire gli alzabandiera ai pennoni di Marina, Tirrenia e Calambrone.

“In un momento così difficile e delicato per il turismo - ha dichiarato il sindaco di Pisa Michele Conti - la conferma di questo riconoscimento per il litorale pisano mette in evidenza, sotto il profilo delle garanzie e della sicurezza ambientale, che siamo pronti a rispondere alle nuove esigenze della domanda turistica in termini di sicurezza e capacità di accoglienza. Siamo veramente soddisfatti anche per l’estate 2020 di aver raggiunto questo traguardo che premia la qualità dei servizi offerti dal nostro litorale. È sotto gli occhi di tutti l’attenzione che la nostra amministrazione sta dedicando al litorale, dimostrato da investimenti fatti in opere pubbliche, piazze, asfaltature, marciapiedi, piste ciclabili, verde urbano, manutenzioni. Investimenti che sul litorale sono mancati per decenni e che oggi possiamo definire come storici per le nostre località balneari. Non ci fermeremo a questo, perché riteniamo importante continuare a investire su Marina, Tirrenia e Calambrone, collaborando con il Porto di Pisa, con gli operatori balneari e con le attività commerciali per far tornare il litorale pisano, polo turistico attrattivo del nostro territorio".

“Il fatto che il litorale si possa fregiare di ben quattro Bandiere Blu anche in questo anno così complesso e critico - ha commentato l’assessore Paolo Pesciatini - è sicuramente una importante dimostrazione della qualità del sistema di accoglienza della nostra offerta turistica. Offerta che oltre alla sostenibilità ambientale, alla qualità dei servizi, alla accessibilità per tutti, garantisce vacanze ottimali nel rispetto dei protocolli di sicurezza sanitaria. È un riconoscimento che va pertanto ascritto alla nostra comunità cittadina e imprenditoriale, raggiunto grazie al lavoro condiviso tra Comune, Porto di Pisa, operatori turistici e commerciali".

“Per raggiungere e mantenere questo risultato - ha spiegato l’assessore Filippo Bedini - l'amministrazione comunale ha investito maggiori risorse sulla pulizia e la raccolta differenziata non solo presso gli stabilimenti balneari, con servizi appositamente dedicati a incentivare il corretto conferimento dei rifiuti, ma anche sulle spiagge libere, dove è stata ampliato e strutturato il servizio di pulizia, spingendo sempre più cittadini e turisti a comportamenti virtuosi verso la raccolta differenziata, così da rendere il nostro litorale ancora più pulito e accogliente. A Pisa possiamo vantare 4 Bandiere Blu sulle 20 assegnate in tutta la Toscana, un ottimo risultato a conferma delle potenzialità delle nostre località balneari che sono uniche nella regione e che meritano di essere ulteriormente sviluppate”.

“Quest’anno il riconoscimento della Bandiera Blu - ha aggiunto il presidente di FEE Italia Claudio Mazza in collegamento da Roma - ha un valore simbolico, che è quello della ripresa, della ripartenza delle attività e della stazione balneare. In ogni località a cui abbiamo assegnato il riconoscimento è stato fondamentale la collaborazione tra amministrazioni, autorità portuali e balneari, non solo per fornire servizi all’altezza dell’accoglienza turistica e degli standard qualitativi e ambientali, ma anche per controllare sul rispetto delle misure di sicurezza e dei protocolli sanitari”.

“Abbiamo fatto un grande lavoro di squadra - ha concluso l’amministratore del Porto di Pisa Simone Tempesti - per poter confermare gli standard qualitativi degli scorsi anni. Stiamo continuando a lavorare perché il Porto di Pisa possa diventare un punto di arrivo sempre più importante per la Toscana, un primo approdo che consenta di raggiungere le mete più importanti della nostra regione. Siamo convinti che il Porto possa avere una funzione baricentrica di accesso a tutta la regione, mettendo in collegamento le rotte del mare con le numerose attrazioni turistiche delle nostre terre”.

Presenti alla cerimonia di consegna delle Bandiere Blu anche una rappresentanza dei figuranti delle Antiche Repubbliche Marinare, il capitano di fregata Giovanni Cavallo della Capitaneria del Porto di Livorno, i Carabinieri della Stazione di Marina di Pisa e i responsabili del sindacato dei balneari SIB – Confcommercio.

Che cos'è la Bandiera Blu

La Bandiera Blu è un riconoscimento conferito dalla FEE (Fondazione per l’Educazione Ambientale) alle località costiere europee che soddisfano criteri di qualità relativi a parametri delle acque di balneazione e al servizio offerto, in base a 32 criteri che riguardano la gestione del territorio, la valorizzazione delle aree naturalistiche, la vivibilità in estate e gli impianti di depurazione. Il requisito base per l’assegnazione è la qualità delle acque, monitorata ogni quindici giorni con protocolli analitici condivisi con ARPAT, ma è necessario dimostrare una adeguata capacità di erogare servizi turistici e ambientali che vanno dalla raccolta rifiuti, all’organizzazione della sosta, all’accessibilità degli stabilimenti, alla sicurezza, alla tutela ambientale e all’ecosistema.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento