Cronaca

Litorale: sventola ancora la Bandiera Blu

E' il dodicesimo anno consecutivo che l'area pisana riceve il riconoscimento internazionale. Premiato anche il Porto di Pisa

Per il dodicesimo anno consecutivo Marina, Tirrenia e Calambrone si aggiudicano la Bandiera Blu, il riconoscimento che ogni anno viene conferito ai litorali balneari meglio attrezzati e con acque pulite. Il 'premio' viene assegnato dalla Ong danese Fee (dall'inglese Foundation for Environmental Education - Fondazione per l'educazione ambientale) in base a 32 criteri che vanno dalla qualità del mare alla gestione sostenibile del territorio, passando per la valorizzazione delle aree naturalistiche, la presenza di impianti di depurazione, la gestione dei rifiuti, la vivibilità durante il periodo estivo, la pulizia delle spiagge e così via.

La novità di quest'anno è il riconoscimento anche per il Porto di Pisa, che ha ottenuto la certificazione di qualità come approdo turistico, facendo salire a quattro le bandiere blu assegnate al litorale pisano. I principali requisiti per gli approdi turistici riguardano le acque del porto e quelle prospicienti, che non devono essere inquinate da fognature, devono essere dotate di attrezzature per la tutela dell'ambiente (smaltimenti) e fornire informazioni sul tema dalla Direzione del Porto.

La Toscana ha ottenuto 19 Bandiere Blu, con altrettante località costiere premiate, ed in Italia è seconda solo alla Liguria che ne ha ottenute 27. Istituito nel 1987 (Anno europeo dell’Ambiente) la Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale,che viene assegnato ogni anno in 49 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell'Onu: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la FEE ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale e riconosciuta dall’UNESCO come leader mondiale per l’educazione ambientale e l’educazione allo sviluppo sostenibile. Obiettivo principale di questo programma è quello di indirizzare la politica di gestione locale di numerose località rivierasche verso un processo di sostenibilità ambientale.

"La riconferma della bandiera blu non è mai una notizia scontata - ha detto il vicesindaco Paolo Ghezzi - e quindi viene accolta con grande soddisfazione. Da Calambrone a Marina di Pisa, tutto il litorale pisano può vantare questo importante riconoscimento tanto apprezzato sui mercati turistici Europei. Dobbiamo utilizzare al meglio questo risultato tanto importante che mettiamo a disposizione degli operatori del settore per impostare anche la propria comunicazione e azione di miglioramento. Una enorme soddisfazione, infine, per il riconoscimento dell'ultima bandiera possibile per il nostro litorale: quella attribuita agli approdi e in particolare, per la prima volta, al Porto di Marina di Pisa. Una proposta che ho sollecitato personalmente e in cui ho creduto molto convinto più che mai che questa sinergia di lavoro tra Comune e soggetti privati possa portare quel valore aggiunto di cui sentiamo ancora fortemente la necessità".

"Siamo orgogliosi e soddisfatti di questo riconoscimento - ha commentato il manager del Porto Simone Tempesti - ottenuto grazie al supporto dell'amministrazione comunale e che rappresenta il coronamento di cinque anni di lavoro, sempre in sinergia con le istituzioni, gli enti e le associazioni che lavorano per la valorizzazione turistica e culturale del territorio. La Bandiera Blu è la testimonianza del nostro impegno per la diffusione della cultura del mare e del rispetto per l'ambiente, alla quale speriamo di poter dare un contributo sempre maggiore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litorale: sventola ancora la Bandiera Blu

PisaToday è in caricamento