Cronaca Centro Storico / Lungarno Gambacorti

Studenti bruciano bandiera Pd, dal partito: "Gesto incivile e di povertà culturale"

Il segretari provinciale e cittadino del Pd di Pisa Francesco Nocchi e Andrea Ferrante, condannano l'episodio della bandiera del Pd bruciata in piazza durante il corteo studentesco

Il segretario provinciale e cittadino del Pd di Pisa Francesco Nocchi e Andrea Ferrante, condannano l'episodio della bandiera del Pd bruciata in piazza durante il corteo studentesco. "Bruciare in piazza la bandiera di un partito politico - aggiungono - è un gesto di enorme gravità, che ricorda momenti tristi e bui della nostra storia".
 
"Ci preoccupa che ci sia qualche gruppo o qualche singolo che vuole, come un apprendista stregone, sfruttare il disagio sociale di tanti cittadini che perdono il lavoro per colpa della recessione e le comprensibili proteste degli studenti e degli operatori della scuola in difesa della scuola pubblica".
 
"Oltre che un'espressione di violenza e intolleranza, è una manifestazione di inciviltà e povertà culturale. Non accettiamo un gesto di questo genere. C'è qualcuno che cerca di dare al disagio e alle proteste una veste violenta. Il Pd, in Parlamento e nel Paese, è il solo partito che si è impegnato per contrastare i progetti di riforma della scuola pubblica che riteneva inaccettabili e di riforma del mercato del lavoro che non condivideva".
 
Infine, Nocchi e Ferrante auspicano che la Pisa democratica sia in grado di dare a un gesto come questo la giusta risposta e ci aspettiamo una netta presa di distanza, una condanna di questo gesto violento, soprattutto da coloro, come i Cobas, che hanno promosso la manifestazione ed erano presenti in piazza in forma organizzata.
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti bruciano bandiera Pd, dal partito: "Gesto incivile e di povertà culturale"

PisaToday è in caricamento