Volontariato, a Pisa spazio ai giovani: 25mila euro per 5 progetti nella provincia

Cesvot investe sulle nuove generazioni con un bando regionale da 380mila euro. Al via da gennaio attività per disabili e progetti di socializzazione e sensibilizzazione per i più giovani

Giovani che si sono messi in gioco e hanno soccorso e confortato chi era in difficoltà durante il lockdown della scorsa primavera. E’ la nuova generazione di volontari pisani che in questi mesi hanno aiutato chi dalla pandemia è stato colpito più duramente, come i disabili e i giovani chiusi in casa senza scuola e amici. Per questo Cesvot ha scelto di investire su di loro, per valorizzare quanto di bello è stato fatto in queste settimane e farlo diventare patrimonio comune, mettendo a disposizione  a livello regionale più di 380mila euro attraverso il bando 'I giovani per il volontariato'. Il progetto è stato realizzato grazie al contributo di Regione Toscana Giovanisì in accordo con il Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale e con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e di Fondazione Monte di Paschi di Siena.

Sono stati finanziati  62 progetti su tutto il territorio regionale, nati allo scopo di affrontare la fase emergenziale e post emergenziale della pandemia. 41 sono stati promossi da organizzazioni di volontariato, 17 da associazioni di promozione sociale e 4 da onlus. A Pisa i progetti vincitori sono 5, finanziati dal bando Cesvot per un totale di 25mila euro. Sono idee che si ispirano ai valori del Terzo Settore e calati nel contesto attuale. Con tutte le accortezza del caso, sono state finanziate attività culturali e di aggregazione per recuperare il patrimonio di relazioni che questa emergenza sanitaria ha pesantemente intaccato. Ci sono percorsi dedicati ai bambini e ai ragazzi disabili, attraverso attività di socializzazione e laboratori e corsi di formazione per nuovi giovani volontari. Attivati anche gruppi per la sensibilizzazione e il recupero di giovani che hanno subito incidenti causati da comportamenti imprudenti, soprattutto in moto e auto. Finanziate anche nuove attività ricreative e di socializzazione per rafforzare il progetto iCappuccini nell’ex convento del quartiere di San Giusto a Pisa.

La progettazione e realizzazione dei progetti vedono sempre protagonisti i giovani volontari, che attraverso l’utilizzo del web metteranno in rete le buone pratiche per una maggiore condivisione e confronto. Tutte le iniziative partiranno a gennaio 2021 e dureranno un anno.

“E’ questo il momento di dare nuova energia al Terzo Settore, formando e valorizzando una nuova generazione di volontari - ha detto il presidente della Delegazione Cesvot di Pisa, Daniele Vannozzi. Investire sulle nostre ragazze e sui nostri ragazzi, in un momento così delicato, è la scelta più lungimirante che si possa fare. Siamo rimasti sorpresi dalla qualità dei progetti presentati e dalla capacità di contestualizzare le iniziative, allineandole ai bisogni reali dei territori. Siamo certi che l’anno prossimo, quando i progetti diventeranno realtà, tutta la nostre rete di associazioni sarà più ricca a beneficio dell'intera comunità”. 

A questo link, i nomi dei progetti vincitori e delle associazioni coinvolte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento