Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

"Attiviamo il servizio da asporto": Confcommercio indica la strada per uscire dall'emergenza

L'associazione di categoria invita bar, ristoranti e pasticcerie ad attivare il servizio da asporto. "Se il Governo non ci aiuta, facciamo da soli" tuona il direttore Federico Pieragnoli

Ristoranti, pizzerie, bar, pasticcerie: fare asporto sarà possibile anche per loro. A comunicarlo è Confcommercio Provincia di Pisa in una circolare indirizzata ai pubblici esercizi associati. "Ora, se è vero che, nonostante le ripetute richieste della nostra federazione - scrive Confcommercio - con il Dpcm del 10 aprile 2020 è stata confermata dal Governo la chiusura di tutte le attività di somministrazione, alle quali la legge concede solo la possibilità di consegne a domicilio, è altrettanto vero che seguendo determinati passaggi c'è la possibilità di procedere con la vendita diretta di alcuni dei prodotti per il servizio di asporto".

Come? Lo spiega la responsabile Assistenza Imprese di Confcommercio Marina Pansera: "La legge ammette lo svolgimento delle attività del settore alimentare, considerandole come primarie. Pertanto, previa una modifica seppur parziale della propria autorizzazione, i ristoranti, i bar, le pasticcerie, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, potranno iniziare allo stesso titolo a svolgere vendita diretta". "Si tratta infatti di richiedere una nuova autorizzazione ai Suap competenti dei comuni - prosegue Pansera - con la presentazione di una Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) per la riduzione della superficie di somministrazione e una Scia per l'inizio dell'attività di commercio alimentare. Occorrerà inoltre la revisione del manuale di autocontrollo (Haccp) in un funzione delle nuove procedure. Chi fosse interessato può rivolgersi ai nostri uffici per avviare tutti gli adempimenti necessari".

"Il Governo non interviene? Allora, facciamo da soli" è il commento del direttore di Confcommercio Federico Pieragnoli. "Stiamo proponendo una opportunità in più per consentire il servizio di asporto anche a quelle numerose attività di somministrazione che i decreti governativi penalizzano come non mai - spiega Pieragnoli - non possiamo aspettare la fine del lockdown senza dare risposte concrete a migliaia di professionisti e imprenditori, fermi da quasi due mesi e con prospettive da incubo". E poi incalza: "Purtroppo, al Governo non si rendono minimamente conto che cosa significa in termini di perdite per un bar o un ristorante ogni giorno di chiusura totale, con la scomparsa di 300mila posti di lavoro che prima c'erano e domani non ci saranno più. In Francia, in Germania, in tutta Europa il take away è consentito, l'Italia resta l'unica eccezione, tanto più in un momento come quello attuale, in cui asporto e consegne a domicilio consentirebbero almeno un minimo di incassi a queste attività chiuse da marzo scorso. Abbiamo trovato la strada giusta, chi vuole può rivolgersi a noi".

Per maggiori informazioni, possono essere contattati gli uffici di Confcommercio Provincia di Pisa: Lorenzo Lazzerini 3200861545; Marina Pansera 3396546327; Luca Favilli 3282283881.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Attiviamo il servizio da asporto": Confcommercio indica la strada per uscire dall'emergenza

PisaToday è in caricamento