Cronaca

La barca di Santa Maria si ferma: "Troppi problemi alla nostra sede"

Stop alle manifestazioni indetto dalla Canottieri Federico Antoni per "lanciare un messaggio forte"

Immagine di archivio

La Canottieri Federico Antoni, in una nota, spiega i motivi della sua azione di protesta di non partecipare alle prossime manifestazioni sportive. Alla base i problemi di degrado della propria sede.

"A seguito della regata di Sant'Ubaldo alla quale non abbiamo partecipato - si legge nel documento - scriviamo per chiarire la nostra posizione e per stroncare sul nascere eventuali elucubrazioni fatte da soggetti che non hanno alcuna voce in capitolo. Da tempo abbiamo un dialogo aperto con l'amministrazione comunale per cercare di risolvere i problemi della nostra sede che è totalmente sprovvista di impianto di illuminazione. Inoltre le condizioni del capannone in lamiera sono pessime: nell’ultimo anno abbiamo registrato quattro effrazioni con tanto di furto di un motore ed un'aggressione subita dai nostri atleti durante l'allenamento, cui sono conseguite le relative denunce alle forze dell’ordine. Ci troviamo ogni giorno a dover combattere contro chi scarica rifiuti presso la nostra sede o nei casi peggiori, spaccia droga".

"Ad oggi la nostra passione si è sempre dimostrata più forte rispetto a tutti i problemi che ci circondano, tuttavia siamo ben consci del fatto che tale situazione sia diventata insostenibile". Ecco quindi che "per dare un messaggio forte ai nostri interlocutori abbiamo deciso di non partecipare a tutte le manifestazioni che non sono l’amato palio di San Ranieri, e lo abbiamo comunicato sia al Comune sia agli altri rioni nelle sedi opportune, mettendo a verbale quanto sopra riferito. La barca celeste di Santa Maria c’è ed è pronta a sfidare gli altri equipaggi. Siamo fiduciosi nel buon esito del dialogo intrapreso con l’attuale amministrazione nell’amore delle manifestazioni storiche della nostra città".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La barca di Santa Maria si ferma: "Troppi problemi alla nostra sede"

PisaToday è in caricamento