rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca

Base militare di Coltano, parla il sindaco Conti: "Contrario all'intervento, chiedo incontro al Ministero"

Il primo cittadino di Pisa conferma che il Comune non è stato coinvolto o avvisato della decisione

Il sindaco di Pisa Michele Conti è intervenuto nel Consiglio Comunale di oggi, 12 aprile, sulla vicenda della base militare di Coltano. rispondendo a un question time."Il Comune di Pisa non ha ricevuto atti ufficiali da parte del Ministero della Difesa. Conosciamo solo il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato dal Presidente Mario Draghi e dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, con cui in poco più di una pagina si decreta 'l’intervento infrastrutturale per la realizzazione della sede del Gruppo Intervento speciale del 1° reggimento Carabinieri paracadutisti Tuscania e del centro cinofili in Pisa - area Coltano', richiamando l’applicazione delle misure di semplificazione procedurale previste dal decreto-legge 77/2021, quello della governance del Pnrr. Nessun progetto è stato inviato agli uffici della direzione urbanistica, non ne conosciamo il contenuto se non attraverso quello che abbiamo letto sui giornali in questi giorni".

Una vicenda che "lascia perplessi per le modalità in cui si è sviluppata e che mortifica le istituzioni locali e l’intera città di Pisa. La pianificazione urbanistica è una cosa seria e, a maggior ragione per interventi che prevedono consumo di suolo e un significativo impatto ambientale, i territori e le comunità vanno coinvolti preventivamente, affrontando un percorso condiviso per spiegare opportunità e criticità di un progetto, senza calarlo dall’alto. Non ci può bastare una 'informazione adeguata nei prossimi mesi', ma la comunità dev’essere coinvolta a pieno nella scelta".

Dopo la premessa, Conti va al punto: "Pur non essendo pregiudizialmente contrario agli insediamenti militari sul territorio pisano, ricordo che a Pisa c’è da tempo una proficua convivenza con le forze armate, motivo di vanto per la città, e comprendendo la ragion di Stato per opere 'destinate alla difesa nazionale', mi faccio interprete dal sentimento della comunità pisana nel dirmi contrario a quel tipo di intervento in un’area che ricade nel Parco naturale, nelle dimensioni annunciate di circa 70 ettari".

C'è comunque apertura istituzionale a capire i termini dell'intervento richiesto dallo Stato, con un richiamo alla Regione: "Mi riservo di dare informazioni più precise una volta che l’Amministrazione Comunale sarà messa a parte dei dettagli del progetto, anche da parte della Regione Toscana che, pur competente in materia, a differenza dell’ente locale, fino ad oggi ha taciuto sulla questione. Siamo consapevoli che la disciplina urbanistica delle aree interne all’Ente Parco è di competenza esclusiva del Parco stesso e gli strumenti urbanistici del Comune di Pisa non si sovrappongono in nessun modo allo strumento di pianificazione del Parco. Certo non mancheremo di produrre valutazioni formali se saremo chiamati a esprimerci in sede di conferenza dei servizi sulla eventuale valutazione di impatto ambientale".

"Intanto - ha concluso Conti, inserendo nel contesto anche le caserme - prendo l’impegno di chiedere a breve un incontro al Ministero della Difesa per parlare non solo del caso specifico, ma più in generale della presenza delle forze armate in città, con spazi che potrebbero essere oggetto di razionalizzazione e di utilizzi più funzionali, a fini civili e militari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Base militare di Coltano, parla il sindaco Conti: "Contrario all'intervento, chiedo incontro al Ministero"

PisaToday è in caricamento