Cronaca

Sapienza, "Chiuso per menefreghismo": i grillini in difesa della biblioteca

Valeria Antoni, portavoce del Movimento Cinque Stelle Pisa, denuncia la situazione che sta vivendo la storica biblioteca universitaria, chiusa dal maggio 2012 in seguito a problemi strutturali: "Dov'è la perizia sull'immobile?"

Dura denuncia della situazione di stallo che si è venuta a creare nella vicenda della Biblioteca della Sapienza, pubblicata sul blog del Movimento Cinque Stelle Pisa. L'edificio era stato chiuso oltre un anno fa per cedimenti strutturali. ''Dopo un anno e mezzo - scrivono sul blog i grillini di Pisa con la loro portavoce e consigliera comunale Valeria Antoni - la perizia sull'immobile della Sapienza, chiesta da molteplici voci tra cui l'associazione Amici della Biblioteca Universitaria Pisana e il Movimento 5 Stelle di Pisa, non è pronta o almeno non è stata resa pubblica. E ricordiamo che la chiusura del Palazzo della Sapienza fu motivata con la presenza di danni strutturali evidenziati dopo le scosse di terremoto in Emilia Romagna del maggio 2011. Dalle ultime indiscrezioni pare addirittura, come ultimo clamoroso evento, che ci sia il progetto di cessione della biblioteca universitaria della Sapienza dal ministero dei Beni culturali all'Università''.

Se fosse vero, argomenta il M5S, sarebbe un fatto ''allarmante per due motivi: il primo riguarda il personale che non ha nessuna certezza di venire assorbito dall'Università e vede a rischio il posto di lavoro; il secondo riguarda la collezione della biblioteca che è a forte rischio di disgregazione e dispersione''. Per i cinque stelle pisani ''appare incomprensibile l'operato del ministero che stanziando per il momento la rilevante cifra di circa 500 mila euro ha già iniziato lavori di adeguamento dei locali adiacenti al museo di San Matteo per collocarci la biblioteca, ma che saranno comunque capaci di contenere solo una piccola parte di tutto l'immenso patrimonio della Sapienza''.


"Il Movimento 5 Stelle di Pisa, per tutti i motivi su esposti, e anche e in primo luogo perché la chiusura di una Biblioteca pubblica equivale alla perdita di diritti - proseguono i grillini - si dichiara contrario al passaggio della proprietà della Biblioteca Universitaria di Pisa dal Ministero all'Università e continua a chiedere che venga resa nota la perizia sul Palazzo della Sapienza per poi poter procedere ad un piano di messa in sicurezza che possa garantire la sopravvivenza della Biblioteca nella sua sede storica, rispettando così - concludono - il vincolo storico che lega da secoli questo bellissimo palazzo pisano ad una collezione unica al mondo. Tutto questo nel completo silenzio delle istituzioni locali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sapienza, "Chiuso per menefreghismo": i grillini in difesa della biblioteca

PisaToday è in caricamento