Cronaca

Pisa Book Festival, bilancio positivo per l'edizione 2020: è boom di contatti social

Il Pisa Book Festival diventa un fenomeno social: su Facebook e YouTube il successo della manifestazione con 200mila persone raggiunte in quattro giorni di dirette online. Le donne tra i 25 e i 54 anni il pubblico più fedele alla rassegna

Con circa 200mila persone raggiunte, una media di 100 spettatori a incontro, migliaia di interazioni a sessione (due quotidiane, mattina e pomeriggio, per quattro giorni, dal 3 al 6 dicembre) e 47.026 minuti complessivi di visualizzazioni, il Pisa Book Festival trionfa sui social. Un successo straordinario e sorprendente per la rassegna dell’editoria indipendente che, a causa dell’emergenza Covid, quest’anno ha dovuto riformulare in breve tempo il suo classico formato, che prevede stand e incontri in presenza, trasferendo online il suo programma di eventi, presentazioni e conversazioni con gli autori.

Nei quattro giorni di dirette ininterrotte, dalle 10 alle 20, sui canali Facebook e YouTube della rassegna, un pubblico variegato, per età, genere e provenienza geografica, ha confermato il suo attaccamento alla manifestazione. Il pubblico del Pisa Book Festival si conferma in prevalenza toscano, con una media del 56%; ma la qualità e l’importanza della rassegna valica i confini regionali e quelli nazionali. Con un profilo internazionale cresciuto negli anni grazie al focus Paese Ospite, l’edizione 2020 del Pisa Book Festival è stata seguita online da diversi paesi europei, come attesta il pubblico collegato da Spagna, Regno Unito, Germania, Francia, Portogallo, Finlandia, Irlanda, Olanda, Serbia, Ucraina e Russia, e paesi extra-europei come Stati Uniti, Cina, Turchia e Israele.   

Sono le donne tra i 25 e 54 anni, in maggioranza dal Centro e dal Nord Italia, il pubblico di riferimento del Pisa Book Festival su Facebook. I dati confermano che sono le donne il pubblico più affezionato della rassegna nelle sue molte ore di diretta e incontri con gli autori. Ma il pubblico maschile non delude, presente con spettatori di una fascia d’età tra i 35 e i 70 anni. 

Il successo della diciottesima edizione viene condiviso dalla direttrice Lucia Della Porta, assieme ai partner che, nonostante le difficoltà, hanno creduto nella buona riuscita della manifestazione: Fondazione Pisa, Comune di Pisa, Regione Toscana, Camera di Commercio, Rai Radio3. "Un programma con contenuti culturali di altissimo livello e un eccellente lavoro di marketing sono stati fondamentali per raggiungere questi numeri - commenta Della Porta - la scenografia di Palazzo Blu ha fatto il resto. Con i musei chiusi, trasmettere in diretta da un luogo splendido e ricco di tesori artistici ha aumentato il fascino del Pisa Book Festival. Naturalmente ci sono mancati moltissimo gli stand degli editori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa Book Festival, bilancio positivo per l'edizione 2020: è boom di contatti social

PisaToday è in caricamento