Cronaca

Turismo: segno positivo per l'estate, ma per le imprese crescono prezzi e costi di accesso al credito

I risultati dell'indagine commissionata da Confcommercio per la filiera turistica regionale

Un'estate in crescita per le imprese della filiera turistica, mentre aumentano prezzi e costi. Lo conferma l'ultima indagine condotta da Format Research per Confcommercio a livello regionale che interessa le oltre 20mila aziende del comparto commercio, turismo e servizi di Pisa e provincia. "Oltre un terzo degli operatori sostiene che l'andamento complessivo di questa estate sarà migliore rispetto al 2022" afferma il presidente di Confcommercio Provincia di Pisa Stefano Maestri Accesi. "Nei primi sei mesi del 2023 il clima di fiducia degli imprenditori è migliorato e resta positivo anche nelle aspettative da qui alla fine dell'anno, prevedendo una sostanziale stabilità, anche per quanto riguarda i ricavi".

A registrare le performance migliori il commercio al dettaglio alimentare e il turismo (strutture ricettive e pubblici esercizi), mentre restano le criticità sul fronte dei prezzi. "Quelli praticati dai fornitori restano stabili, anche se resta da assorbire l'impatto durissimo registrato a fine 2022, ma a costare di più è specialmente il credito. La percezione è che ad aumentare non siano solo i tassi di interesse, ma anche le voci accessorie ad ottenere un finanziamento, come le spese d'istruttoria, mentre peggiorano le condizioni legate alla durata temporale. In questo contesto a livello regionale è comunque aumentata la percentuale di imprese che hanno effettuato domanda di credito, e tra queste il 66% ha visto accolta interamente la richiesta".

"Le imprese - prosegue Maestri Accesi - stanno provando con enorme sforzo a uscire dal periodo nero della pandemia e l'iniezione di fiducia che sta arrivando dal turismo ci fa ben sperare, anche se all'orizzonte restano nubi fosche legate al quadro economico internazionale e al potere di spesa delle famiglie che si è ulteriormente ridotto". Sul tema PNRR "occorre informare e stimolare di più le imprese su questa opportunità. Secondo l'indagine nove imprese su dieci dichiarano di esserne a conoscenza, ma il 75% di queste non ha mai partecipato a nessun bando legato al PNRR. Un'occasione che il nostro sistema economico non può permettersi di perdere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo: segno positivo per l'estate, ma per le imprese crescono prezzi e costi di accesso al credito
PisaToday è in caricamento