Mare, buona la prima: "Ma i numeri non sono paragonabili agli anni scorsi"

Il bilancio tracciato per il ponte del 2 giugno dai balneari pisani. "C'è ancora un po' di paura e confusione, ma chi è venuto è rimasto soddisfatto"

I numeri sono ben lontani da quelli degli scorsi anni. Tuttavia, considerando la situazione, il numero di presenze fatte registrare sul litorale fa ben sperare per il prosieguo della stagione. E chi è andato al mare, soprattutto pisani e livornesi, “è rimasto soddisfatto, anche per le misure che abbiamo adottato contro il Coronavirus”. E’ questa, in sintesi la situazione fatta registrare negli stabilimenti balneari pisani per il ponte del 2 giugno. A tracciare un primo bilancio sono Gianluca Tiozzo e Fabrizio Fontani, rispettivamente presidente dei balneari Confesercenti Toscana Nord e presidente di Conflitorale di Confcommercio Pisa.

"Solitamente - spiega Tiozzo - il 2 giugno è il giorno di maggior affluenza della stagione. Quest'anno abbiamo abbiamo avuto un numero di presenze paragonabile a un mercoledì di alta stagione. Le persone hanno ancora paura a venire e nei clienti c'è ancora un po' di confusione sulle regole che abbiamo dovuto adottare per contrastare la pandemia. Chi è venuto ha però apprezzato le misure che abbiamo preso e scoperto che, nonostante tutto, il mare è comunque vivibile. Non ci aspettavamo di più". Sarà comunque una stagione difficile. "Forse la peggiore di sempre - prosegue Tiozzo - basta pensare che abbiamo avuto un numero di disdette vicino al 50%. Molti stabilimenti sono stati costretti a ridurre il personale, soprattutto per quanto riguarda i lavoratori dei ristoranti. Questi giorni ci hanno comunque aiutato a capire che c'è uno zoccolo duro dal quale poter ripartire".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla stessa linea Fabrizio Fontani, presidente di Conflitorale di Confcommercio Pisa. "I numeri non sono paragonabili a quelli degli scorsi anni. Abbiamo comunque avuto un buon numero di persone e molte che sono venute per chiedere informazioni a capire meglio come funziona con sanificazioni, distanziamento sociale, eccetera. Sappiamo che sarà un'annata particolare e speriamo che con l'apertura delle Regioni e dei confini nazionali ci sia una crescita delle presenze, anche se storicamente i nostri clienti sono quelli della provincia di Pisa e di Livorno".
Fontani parla di un numero di disdette "di circa il 20%. Con il nostro entusiasmo e con il rispetto dei protocolli sanitari - prosegue - speriamo però di riuscire ad invertire la tendenza nei prossimi mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento