Bioparco di Cascina: porte aperte alle associazioni per il primo incontro

Meeting di idee e progetti fissato per il 31 luglio nell'area a un passo dalle sale della Città del Teatro

Un luogo immerso nella natura e tutto da progettare, con la Città del Teatro di Cascina. Le porte di legno del Bioparco, l’area a verde plastic free a un passo dalle sale del teatro e dalla nuova arena estiva del cinema sotto le stelle, si apriranno il 31 luglio alle associazioni culturali, del territorio e di tutta Italia, che vorranno contribuire a sviluppare il nuovo progetto dedicato alle famiglie dalla Fondazione Sipario Toscana, tra teatro e natura.

La Fondazione sta lavorando da tempo al programma delle attività, che a partire dal prossimo autunno faranno riscoprire ai bambini i valori della terra, per giocare all’aperto, in uno spazio rigenerato e sicuro, al confine con il Fiume Arno e con vista sui monti che dominano la vallata. In un ettaro di terreno incontaminato i ragazzi potranno partecipare ai laboratori sensoriali e divertirsi con le letture teatrali campestri, recitate da un abbeveratoio trasformato in palcoscenico, tra alberi da frutto, spaventapasseri, piante aromatiche e installazioni artistiche. 'Aguzza la vista' è l’idea in più per regalare ai bambini la cartolina di un fantastico viaggio in natura: tante cornici colorate, posizionate sul prato, inquadreranno i monti con una diversa prospettiva, per far disegnare ai ragazzi il proprio quadro da portare a casa come ricordo del Bioparco, sottolineando i particolari della natura che più li colpiscono e colorandoli con le tinte della fantasia.

Il progetto è fortemente voluto dalla presidente della Fondazione Sipario Toscana Antonia Ammirati: "Abbiamo pensato al Bioparco con l’intenzione di portare il teatro all’aperto, inglobando un’area verde incontaminata, per preservarla e valorizzarla. Sarà un’area di formazione e gioco, di socialità e creatività".

 In calendario il 31 luglio, alle ore 18, la presentazione alle associazioni: "Ci apriamo a un confronto e a una raccolta di idee - sottolinea Antonia Ammirati - per arricchire il nostro progetto con nuove proposte artistiche. Invitiamo tutte le associazioni culturali all’incontro di venerdì. Per far comprendere le potenzialità di questo luogo unico e per sperimentare varie forme di linguaggio, venerdì sera proporremo un adattamento del Barone Rampante, organizzeremo una caccia al tesoro di pietre naturali, faremo dipingere i nostri giovani artisti in erba e chiuderemo la serata con un momento di musica live, al calar del sole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un ringraziamento da parte della Fondazione Sipario Toscana va al Comune di Cascina che ha creduto e sostenuto il progetto del Bioparco e ancora a Toscana Energia e alla società Sogefarm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento