Cronaca

Black out elettrico, è polemica: la neve trascina Enel nella bufera

Sono tutt'ora in corso le operazioni per il rispristino dell'energia elettrica in molte zone della Toscana: sono migliaia le famiglie che hanno passato la giornata al freddo senza riscaldamento. Erogazione idrica sotto controllo

"Paesi interi senza energia e al freddo. Il vero disastro lo si è avuto a causa dell'Enel". Lo scrive, sulla sua pagina Facebook, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Anche se non ho competenze dirette - aggiunge Rossi - faremo un tavolo regionale con i Comuni. Vogliamo mettere l'Enel in un angolo e costringerla a darci risposte".

Sì perchè nella giornata di ieri (e anche di oggi in realtà) la mancanza di energia elettrica è stata il vero disagio per migliaia di famiglie toscane con il culmine toccato a Siena dove permangono forti situazioni di criticità, ma con problemi anche in Provincia di Pisa, in particolare nella zona di San Giuliano Terme e Calci dove il forte vento dell'altra notte ha fatto cadere rami e alberi sui tralicci dell'Enel provocando inevitabili black out.

Insomma la task force messa in campo dal fornitore di energia elettrica, con circa 500 uomini e altrettanti mezzi, non ha funzionato e molte famiglie hanno dovuto passare ore ed ore senza poter usufruire neppure del riscaldamento in una giornata particolarmente rigida.

In provincia di Pisa rimangono tutt'ora problemi di black out soprattutto nella parte meridionale. Secondo le stime Enel sono ancora da ripristinare 1500 utenze sulla Media Tensione, mentre sono in corso le valutazioni sulle utenze della Bassa Tensione (case sparse). Sono stati inviati gruppi elettrogeni nelle situazioni più critiche segnalate dai Comuni e dai Centri Intercomunali.

Per quanto riguarda invece l'erogazione dell'acqua, dopo i problemi di ieri dovuti appunto agli innumerevoli black out elettrici che hanno coinvolto alcune delle centrali idriche, Acque spa comunica che la situazione, sin dalla tarda serata di ieri, con gli ultimi interventi a Fauglia e Lajatico, risulta essere tornata alla completa normalità, grazie al progressivo ripristino della fornitura elettrica o all'allestimento di generatori d'emergenza che hanno fatto ripartire gli impianti.
Possibili fenomeni di torbidità potranno ancora manifestarsi sulla rete idrica cittadina di Pisa oggi ma con netta tendenza all'esaurimento nelle prossime ore.
Superata una crisi, tuttavia, dietro l'angolo c'è il pericolo-gelo, poiché è prevista a partire da domani una consistente diminuzione delle temperature in tutto il territorio servito. Acque Spa invita tutti gli utenti a controllare e proteggere il proprio contatore da eventuali gelate, evitando così il pericolo di rotture o d'interruzioni dell'erogazione dell'acqua. Il regolamento del servizio idrico integrato, infatti, indica l'utente come responsabile della corretta custodia del contatore di competenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black out elettrico, è polemica: la neve trascina Enel nella bufera

PisaToday è in caricamento