rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca Centro Storico

Centro storico: le barriere antiterrorismo diventano opere d’arte

In azione studenti ed artisti dell’Accademia di Brera con l'obiettivo di conciliare la tutela dei cittadini con l'identità e la bellezza della città. Inizio dei lavori previsto per metà giugno

Le barriere antiterrorismo trasformate in vere e proprie opere d'arte. E' il progetto elaborato dall’Amministrazione Comunale pisana, in collaborazione con Pisamo e in accordo con la Soprintendenza, che verrà realizzato in città tra giugno e luglio da una decina di studenti ed artisti dell'Accademia di Belle Arti di Brera (Milano).

"Si tratta di un progetto unitario di riqualificazione e decoro del centro storico - spiega l'architetto del Comune, Roberto Pasqualetti - che ha l'obiettivo di conciliare la tutela dei cittadini con l'identità e la bellezza della nostra città.  Alcuni mesi fa è stato già realizzato già un primo intervento di abbellimento con la collocazione delle nuove barriere, costituite da elementi sferici a superficie in pietra bocciardata, in piazza XX Settembre e piazza Garibaldi, alle due estremità del Ponte di Mezzo. Ora il progetto prosegue con la trasformazione dei cosidetti 'new jersey' di via Santa Maria, via Cardinal Maffi, piazza Arcivescovado e Corso Italia, in vere e proprie opere d'arte". 

Il progetto è curato dal professor Angelo Antonio Falmi, docente dell'Accademia delle Belle Arti di Brera. Ad occuparsene saranno studenti ed artisti, allievi della stessa accademia, scelti per le loro capacità creative e di diversa provenienza: Cina, Colombia, Giappone, Serbia, Romania, Bulgaria, Danimarca, Svizzera, Persia, Turchia e Italia. "L'obiettivo dell'operazione - afferma Falmi - è quello di trasformare le bruttissime barriere antiterrorismo, che da qualche anno vediamo in ogni città, in luoghi di incontro tra persone. Il workshop si articolerà in diverse giornate, alcune delle quali si svolgeranno durante il giugno pisano, con i ragazzi che lavoreranno in gruppi all'aria aperta, utilizzando diverse tecniche artistiche: dalla pittura alle bombolette spray, passando per l'aerografo. Le opere così realizzate saranno una rilettura in chiave artistica di alcuni simboli della città: tra questi alcuni dettagli del Duomo, l'Arno e la Chiesa della Spina".

"E' il terzo lavoro che realizziamo con l'Accademia di Brera - dice l'assessore alla Cultura, Andrea Ferrante - a testimoniare una collaborazione che si sta consolidando sempre di più. In questo caso si tratta di un importante progetto di arte pubblica, che vuole coinvolgere quanti più cittadini possibile e che dimostra, ancora una volta, la natura giovane ed internazionale della nostra città. Caratteristiche che Pisa dovrà mantenere anche in futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro storico: le barriere antiterrorismo diventano opere d’arte

PisaToday è in caricamento