rotate-mobile
Cronaca Vecchiano

Una boa del progetto Sicomar approda a Marina di Vecchiano

La ricerca condotta dal Cnr monitora le correnti superficiali del mar Mediterraneo e traccia le traiettorie seguite dai rifiuti prima di spiaggiarsi sulle coste

Ritrovata nei giorni scorsi a Marina di Vecchiano una Boa dotata di gps tra l'Oasi 2 e la Bufalina, precisamente al settore 17/18. il ritrovamento è stato fatto da Marco Ceccherini, operatore del decoro sulla Marina di Vecchiano, che nei giorni seguenti è stato incontrato dal sindaco Massimiliano Angori che lo ha ringraziato in generale per la sua attività e in particolare per essersi fatto protagonista attraverso questo ritrovamento di quanto sia importante l'attività di tutela ambientale sul litorale vecchianese. "La boa dotata di GPS infatti fa parte di un progetto del Cnr portato avanti dall'Istituto di Scienze Marine di La Spezia per monitorare le correnti superficiali dei mari, e finalizzato anche a capire come si spiaggiano i rifiuti sulla costa" spiega il sindaco Angori. "Difficilmente queste boe vengono ritrovate intatte ma questa casuale coincidenza sulla nostra costa ci fa capire quanto sia fondamentale l'apporto umano nel mantenere pulita la costa dal momento che le correnti superficiali tendono a spingere i rifiuti verso i nostri lidi" aggiunge il primo cittadino.

"Appena ho rinvenuto la Boa con gps sulla spiaggia ho avvisato la Guardia Costiera" afferma Marco Ceccherini. "Sono stato dunque a mia volta contattato dal Cnr e ho incontrato sull'arenile la dottoressa Maristella Berta referente del progetto a cui ho riconsegnato la Boa stessa. L'oggetto è stato messo in mare ad aprile al largo di Portovenere, ha percorso dunque tutta la costa ligure, francese fino a Tolone, fino a tornare indietro in Corsica e poi a Marina di Vecchiano. Come accennato dal sindaco Angori il progetto è finalizzato allo studio delle correnti superficiali, aiuta a capire dove si spiaggiano anche i rifiuti e rimangono incastrati. Se teniamo conto che in questa stagione sono state pochissime le mareggiate, ci rendiamo conto di quanto sia importante mantenere pulito l'ambiente che ci circonda. E' peraltro difficile, come mi ha spiegato la referente del Cnr che le boe vengano recuperate, caso raro quindi quella rinvenuta a Marina di Vecchiano: questa verrà rigenerata e verrà messa di nuovo a mare per eseguire uno studio analogo" conclude Ceccherini. Il Progetto Sicomar, Sistema transfrontaliero per la sicurezza in mare e salvaguardia dell'ambiente marino, è quello in cui rientrano le boe dotate di gps. Ha basi a La Spezia e Livorno, quelle più vicine alla marina vecchianese. Il costo totale del progetto è oltre 6.6 milioni di euro, ed è stato istituito nel 2018.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una boa del progetto Sicomar approda a Marina di Vecchiano

PisaToday è in caricamento