Bocelli tra i negazionisti del Covid: "Umiliato dal divieto di uscire, ho disobbedito"

"Non conosco nessuno finito in terapia intensiva". Così il tenore Andrea Bocelli che ha raccontato di essersi "sentito umiliato e offeso" durante il lockdown. Parole che faranno discutere come le tesi ostentate nel convegno organizzato da Sgarbi

Foto d'archvio

Il cantante originario di Lajatico Andrea Bocelli è intervenuto a un discusso convegno in Senato organizzato dall'onorevole Vittorio Sgarbi ed etichettato come "dei negazionisti del Covid" da buona parte della comunità scientifica italiana. Come riporta Today.it il tenore, già insignito nel 2006 del titolo di "grande ufficiale al merito della Repubblica" e che aveva raccontato di aver avuto il Covid-19 prima di esserne guarito e diventare poi donatore di plasma, ha spiegato di essersi "sentito umiliato e offeso come cittadino quando mi è stato vietato di uscire di casa. Devo anche confessare, e lo faccio qui pubblicamente, di aver anche in certi casi disobbedito volontariamente a questo divieto perché non mi sembrava giusto né salutare. Ho una certa età e ho bisogno di sole e di vitamina D".

Coronavirus in Toscana: 8 nuovi casi e nessun decesso

Parole che faranno discutere come fanno discutere le tesi ostentate nel convegno 'Covid-19 in Italia: tra informazione, scienza e diritti' in cui si da credito a medici come Zangrillo che ostenta ormai su molti media la tesi di una "epidemia" già finita nonostante i riscontri della realtà che parlano di un virus ormai divenuto endemico. "Ho accolto questo invito ma sono lontano dalla politica" spiega ancora Bocelli. "Quando siamo entrati in pieno lockdown ho anche cercato di immedesimarmi in chi doveva prendere decisioni così delicate. Poi ho cercato di analizzare la realtà e mi sono reso conto che le cose non erano così come ci venivano raccontate", ha ammesso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi perché questa gravità? C'è stato un momento in cui mi sono sentito umiliato e offeso per la privazione della libertà di uscire di casa senza aver commesso un crimine e devo confessare pubblicamente di aver disobbedito a questo divieto che non mi sembrava giusto e salutare", confessa Bocelli. Bocelli aveva scoperto di essere positivo lo scorso 10 marzo dopo aver fatto il tampone. A parte una leggera febbre, è stato sostanzialmente un asintomatico.

Fonte: Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, crescono i contagi: 755 nuovi positivi

  • Una delle pizzerie più buone d'Italia: Gusto al 129 premiata da Gambero Rosso

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus, 581 nuovi casi in Toscana: un decesso a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 906 nuovi casi, 133 a Pisa

  • Coronavirus nel pisano: 39 casi a Pisa, 26 a Cascina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento