Cronaca

Sociale: approvato anche per il 2021 il 'Bonus Anziani'

Ai beneficiari un contributo di 200 euro al mese. L'assessore di Pisa Gambaccini: "Misura che consentirà di sostenere le spese per l'assistenza di un non autosufficiente presso la propria abitazione"

L'amministrazione pisana ha annunciato che verrà riproposto anche per il 2021 il 'Bonus Anziani'. La finalità del provvedimento, approvato ieri 27 agosto con una delibera della Giunta, è quella offrire un contributo economico di 200 euro mensili, per l’anno 2021, agli over 65 non autosufficienti, residenti nel comune di Pisa da almeno 5 anni e con un reddito Isee in corso di validità uguale o inferiore ai 30mila euro.

"Si tratta di una misura - dichiara l’assessore al sociale, Gianna Gambaccini - che abbiamo già sperimentato con successo lo scorso anno e che ha come obiettivo quello di dare sostegno alle persone più fragili, consentendo alle famiglie di far fronte alle spese per gestire l’assistenza di un anziano non autosufficiente presso la propria casa ed evitare il ricorso alle strutture sanitarie assistite. Con l’allungamento della età media, l’assistenza agli anziani è infatti diventata una questione che riguarda tantissime famiglie che si trovano spesso lasciate sole nella gestione di una situazione difficile, onerosa e complessa: l’apposito fondo regionale, da solo, può infatti non essere sufficiente per i nostri anziani e questo provvedimento vuole essere il nostro segnale di aiuto. Rispetto allo scorso anno abbiamo inoltre implementato l’investimento sulla misura, portandolo da 420mila a 500mila euro, in modo da poter estendere il contributo a quanti più beneficiari possibile".

I destinatari del beneficio saranno individuati attraverso un apposito bando pubblico che verrà pubblicato nelle prossime settimane. Nella delibera approvata dalla Giunta sono stati stabiliti i requisiti per l’accesso all’agevolazione. Potranno presentare domanda gli anziani over 65 invalidi al 100% o portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 residenti nel Comune di Pisa da almeno cinque anni (è consentita la presentazione di una sola domanda per nucleo) e con Isee ordinario in corso di validità pari o inferiore a 30mila euro.

L’erogazione del contributo sarà effettuata in un’unica soluzione pari a 12 mensilità a partire dal mese di febbraio 2022. Verificata la conformità delle domande pervenute, l’ufficio competente provvederà a predisporre una graduatoria stilata sulla base dei punteggi attribuiti ed erogherà il contributo direttamente sul conto corrente indicato dal cittadino.

Le eventuali risorse che diventeranno disponibili a seguito di decadenza dal diritto di uno o più beneficiario/i saranno utilizzate per l’erogazione del contributo in favore del primo escluso nella graduatoria. Il Comune di Pisa effettuerà i controlli necessari alla verifica della veridicità dei dati autocertificati e della permanenza dei requisiti che hanno determinato il beneficio. Il contributo verrà definitivamente cessato in caso di decesso, ricovero definitivo in una struttura residenziale sanitaria assistita oppure per trasferimento di residenza in altro comune.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sociale: approvato anche per il 2021 il 'Bonus Anziani'

PisaToday è in caricamento