Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Borse di studio universitarie: la Regione porta la voce degli studenti toscani alla Conferenza dei presidenti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Le istanze degli studenti universitari saranno portate all’attenzione della Conferenza dei presidenti delle Regioni che si svolgerà nei prossimi giorni. Lo ha detto la vicepresidente della Regione Toscana, assessore a scuola, università e ricerca, in seguito alle preoccupazioni espresse dagli studenti toscani – e ben
comprese dalla Regione – per il decreto ministeriale che definisce i nuovi criteri di assegnazione delle borse di studio. Un appello al presidente e al vicepresidente della Regione è arrivato anche dai rappresentanti degli studenti nel cda dell’Azienda regionale di diritto allo studio universitario.

La vicepresidente sottolinea come il diritto allo studio universitario sia una priorità assoluta per la Regione Toscana, e lo dimostrano anche le ultime misure adottate: l’innalzamento da 17 a 18mila euro della soglia Isee per l’accesso alle borse di studio, che ha portato all’erogazione di 700 borse in più rispetto al
2011, e l’istituzione della borsa servizio (mensa gratis e parziali rimborsi dell’abbonamento per il trasporto) per la fascia immediatamente successiva.

La Regione vuole continuare a garantire questo livello di servizi anche gli anni prossimi, ma per poterlo fare è necessario che lo Stato non indietreggi rispetto all’impegno per il diritto allo studio. Questo decreto ministeriale, opportunamente rivisto anche sulla base delle richieste degli studenti, potrebbe essere un’occasione per vincolare lo Stato a questo impegno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borse di studio universitarie: la Regione porta la voce degli studenti toscani alla Conferenza dei presidenti

PisaToday è in caricamento