Cronaca Centro Storico / Piazza Francesco Domenico Guerrazzi

Leopolda, a giugno la Bottega di filiera corta: un ritorno al cibo genuino

Il prossimo mese verrà inaugurato lo spazio dedicato ad un'alimentazione sana e al cibo di qualità. Presso la Bottega sarà possibile trovare i prodotti delle aziende agricole e agroalimentari del territorio

Dopo l’approvazione del progetto da parte dell’amministrazione comunale di Pisa per l'apertura della Bottega di filiera corta della Leopolda, sono in corso le attività preparatorie in vista dell’inaugurazione ufficiale prevista per il prossimo mese di giugno. 

La costituzione della bottega è il frutto di un lavoro collettivo che ha unito le istituzioni pubbliche, la Leopolda, gli agricoltori e le loro associazioni con l’obiettivo di favorire l’accesso a un’alimentazione sana e al cibo di qualità, promuovendo la conoscenza e la diffusione dei prodotti locali attraverso soluzione concrete, facilmente accessibili. 

L’apertura della bottega consentirà di valorizzare i molteplici aspetti positivi della filiera corta, a partire dalla competitività dei prezzi, che non subiscono i ricarichi generati dai passaggi intermedi e consentono di riconoscere ai produttori un giusta retribuzione. La provenienza locale garantisce inoltre freschezza, bontà e salute: i prodotti di filiera corta sono rigorosamente di stagione e coltivati secondo i ritmi della natura. Grazie al risparmio sulle spese di trasporto e sulla riduzione delle emissioni inquinanti, scegliere i prodotti del territorio rappresenta infine un contributo significativo nello sviluppo di un sistema di approvvigionamento alimentare sostenibile e nella conservazione della biodiversità.

Presso la Bottega sarà possibile trovare i prodotti delle aziende agricole e agroalimentari del territorio, quali ortaggi e frutta di stagione, latte, formaggi, uova, olio, vino, pane, biscotti, dolci, pasta, cereali, salumi, carne, miele e confetture.
Insieme alla vendita al dettaglio, la bottega svolgerà un ampia gamma di attività, promuovendo la diffusione dei prodotti locali nella ristorazione collettiva, raccogliendo le forniture destinate ai GAS attivi nella città di Pisa e organizzando eventi, convegni divulgativi, degustazioni guidate, dimostrazioni e laboratori di cucina. 

La collocazione della bottega presso la Leopolda, che ha ospitato fino al 1993 il mercato ortofrutticolo cittadino, consentirà anche di recuperare una funzione storica ancora presente nell’immaginario collettivo e sviluppare ulteriormente le molteplici attività dedicate ai temi dell’alimentazione già in programma all’interno dell’antica stazione ferroviaria. 

La Bottega seguirà degli orari di apertura molto estesi in modo da offrire un servizio facilmente fruibile. Sarà inoltre possibile chiedere la consegna della spesa a casa con le Ecosaette della Cooperativa Sociale Il Simbolo. 

Le aziende interessate al conferimento dei propri prodotti possono inviare la domanda di adesione seguendo le istruzioni pubblicate sul sito web. 

La Bottega di filiera corta è promossa dall’assessorato alle Attività Produttive del Comune di Pisa, dalla Regione Toscana e dall’Associazione Casa della Città Leopolda in collaborazione con la Provincia di Pisa e le associazioni provinciali CIA, Coldiretti e Unione Agricoltori nell’ambito del progetto regionale Filiera corta - Rete regionale per la valorizzazione dell’agricoltura toscana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leopolda, a giugno la Bottega di filiera corta: un ritorno al cibo genuino

PisaToday è in caricamento