Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Volterra

Terremoto nel Centro Italia: "Quando ho visto le immagini di Amatrice mi si è stretto il cuore"

La commozione del sindaco di Volterra, Buselli, legato al Comune reatino da un rapporto di amicizia e dalle battaglie per le aree marginali: "Mi ha fatto impressione vedere il corso principale del paese distrutto"

"Quando alla televisione ho visto le immagini di Amatrice mi si è stretto il cuore. Mi ha fatto davvero impressione vedere il corso principale del paese, dove sono stato anche io in passato, devastato dal sisma: è una sensazione difficile da spiegare. Ai cittadini di Amatrice e delle altre realtà colpite da questa tragedia va tutta la mia solidarietà: auguro loro di avere la forza per superare questi momenti drammatici e riuscire a risollevarsi".

A parlare è il primo cittadino di Volterra, Marco Buselli, legato ad Amatrice e al suo sindaco, Sergio Pirozzi, "da un rapporto di profonda amicizia e dalle comuni battaglie portate avanti sul diritto alla salute e la marginalizzazione delle aree interne". Il Comune reatino è stato tra quelli maggiomente colpiti dal terremoto che nella notte ha devastato l'Italia centrale con vittime e persone ancora intrappolate sotto le macerie.

"Ho provato a mettermi in contatto con il sindaco Pirozzi - racconta Buselli - ma non ci sono riuscito: sarà sicuramente molto impegnato. A lui va comunque il mio abbraccio. Ora sarà importante riuscire ad affrontare questa prima drammatica fase ed estrarre le persone da sotto le macerie. Ci sarà poi molto da fare anche per rinascere: spesso, dopo le prime fasi di emergenza, infatti, ci si dimentica subito delle piccole realtà come le nostre".

E sono proprio le battaglie sui piccoli Comuni, che ogni giorno devono lottare per la sopravvivenza dei servizi essenziali che le politiche nazionali e regionali vorrebbero centralizzare, ad aver fatto incrociare le strade dei sindaci di Volterra e Amatrice. "Due anni fa - dice Buselli - sono stato ad Amatrice per gli 'Stati generali dei Comuni dimenticati', ed è in quell'occasione che ho potuto vistare il paese. Si trattava di un'iniziativa messa in campo dallo stesso Pirozzi per accendere i riflettori sui problemi quotidiani dei piccoli Comuni, in particolare per quanto riguarda il diritto alla salute, costantemente minacciato dai tagli di Stato e Regioni".

A marzo scorso fu poi il sindaco reatino a venire a Volterra, per la 'Giornata dell'Orgoglio'. "Un'iniziativa - prosegue Buselli - che il nostro Comune ha organizzato in collaborazione con l'associazione 'Comuni dimenticati', di cui è presidente proprio Pirozzi. Insieme a lui altri 113 sindaci, provenienti da tutta Italia, sono arrivati a Volterra per parlare di identità e territorio, e per dire no allo smantellamento della sanità pubblica e alle fusioni obbligatorie per i piccoli Comuni".

Infine un invito ai cittadini di Volterra. "Chiedo a  chi può - conclude Buselli - di mettersi a disposizione, coordinandosi con la Protezione Civile, in modo che si possa superare presto la fase dell'emergenza. Volterra e i volterrani saranno in prima fila per questa che è adesso la battaglia più dura da vincere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto nel Centro Italia: "Quando ho visto le immagini di Amatrice mi si è stretto il cuore"

PisaToday è in caricamento