Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca San Miniato

Calendario shock di Toscani: 12 foto di peni in primo piano

Oliviero Toscani stupisce ancora, dopo il calendario con i pubi femminili, ecco arrivare quello con gli attributi maschili, creato per il Consorzio vera pelle toscana conciata al vegetale di Ponte a Egola

Oliviero Toscani

Un altro calendario provocazione per Oliviero Toscani che presenterà il prossimo 12 gennaio al Museo nazionale di antropologia ed etnologia di Firenze, i dodici mesi 2012 da lui confezionati per il Consorzio vera pelle toscana conciata al vegetale di Ponte a Egola, nel Comune di San Miniato. Dodici mesi per dodici primi piani di peni, dopo il calendario 2011, con le foto di pubi femminili, che fece un gran parlare e polemizzare.

“Dopo il grande successo dello scorso anno e a grande richiesta soprattutto femminile e femminista, vi presento “QUESTO È UN MOMENTO DI PENE – IL GENERE MASCHILE”, Calendario del Consorzio Vera Pelle Conciata al Vegetale 2012. Lui, che è sempre il più nascosto, censurato e complessato, usato come espressione letteraria, colloquiale proibita, dialettale, colorita, lui portatore di vita e di tabù, qui è svelato nella sua naturalezza”. Questa la presentazione che lo stesso Toscani fa della sua ultima creatura.

Alla presentazione parteciperanno lo stesso Oliviero Toscani, suo figlio Rocco che alleva uccelli e piccioni viaggiatori che saranno un ulteriore argomento della presentazione del calendario, il critico d'arte e giornalista Philippe Daverio, la conduttrice tv Camila Raznovich, lo psicologo, psichiatra e scrittore Paolo Crepet e il pornostar Rocco Siffredi. Massimo riserbo sui nomi di chi ha posato nudo davanti all'obiettivo di Toscani. Dall'entourage del fotografo, infatti, dicono che tutto sarà svelato al momento della presentazione. Il calendario sarà venduto in edizione limitata solo sul sito internet www.pellealvegetale.it dal 12 gennaio 2012.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calendario shock di Toscani: 12 foto di peni in primo piano

PisaToday è in caricamento