rotate-mobile
Cronaca

La professoressa Bini dell’Università di Pisa intervistata da Nature sul cambiamento climatico

Il tema approfondito: la siccità nel Mediterraneo 4200 anni fa come archetipo dell’impatto dei cambiamenti climatici sulle società complesse

La professoressa Monica Bini del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa è stata intervistata dalla rivista Nature come  geoarcheologa che studia i rapporti tra popolamento e clima . Monica Bini è intervenuta a partire da una ricerca pubblicata sulla rivista 'Climate of the Past' frutto di un workshop internazionale che si è svolto a Pisa nel 2019. Focus dell’articolo di Nature è il cambiamento climatico avvenuto 4200 anni fa e il suo influsso sulle civiltà dell’epoca.

“La siccità che ha colpito l’emisfero Nord e il Mediterraneo 4200 anni fa è l’archetipo dell’impatto dei cambiamenti climatici sulle società complesse - spiega Monica Bini - ci sono evidenze che questo evento possa avere una distribuzione globale e si assiste ad esempio al 'collasso' di alcuni imperi in Mesopotamia”. Tuttavia, l’impatto, la durata e le caratteristiche di questo evento climatico sono controversi e l’approfondimento della rivista 'Nature' è proprio su questo tema.
“Nonostante le incertezze cronologiche, i dati che abbiamo analizzato ricostruiscono un clima caratterizzato da inverni asciutti ed estati secche - conclude Bini - e tuttavia le eccezioni a questo andamento ci indicano che i modelli climatici che considerano il Mediterraneo in maniera univoca non siano del tutto corretti, il che costituisce un’indicazione molto importante per definire gli scenari attuali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La professoressa Bini dell’Università di Pisa intervistata da Nature sul cambiamento climatico

PisaToday è in caricamento