rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca Centro Storico / Piazza Sant'Antonio

Canapisa, Sgherri (Fds): "I veri mercanti di morte sono le narcomafie e le compagnie farmaceutiche"

L'esponente di Rifondazione Comunista risponde alle affermazioni di Giovanni Donzelli, membro dell'esecutivo di Fratelli d'Italia che aveva auspicato una retata durante la manifestazione in programma sabato in città

Ieri Giovanni Donzelli, membro dell'esecutivo nazionale di FdI-An e capogruppo in Regione Toscana del movimento di Giorgia Meloni, aveva condannato duramente la Street parade antiproibizionista Canapisa, che domani, con ritrovo alle ore 16 in piazza Sant'Antonio, si svolgerà in città.
"E' un'indecenza che venga consentito di stuprare il centro di Pisa con droga, vomito, sporco e degrado - aveva detto l'esponente di Fratelli d'Italia - una volta però che questo viene consentito, almeno si sfrutti l'occasione di una tale concentrazione di spacciatori per una retata".

Oggi è la capogruppo di FDS in Regione Toscana ed esponente di Rifondazione Comunista Monica Sgherri a commentare le dure affermazioni di Donzelli. "Alla persecuzione nazionale si unisce la caccia alle streghe personale del consigliere toscano Donzelli contro la manifestazione di Canapisa - afferma Sgherri - ricordiamo al consigliere di Fratelli di Italia che, volutamente, se ne scorda, che i veri mercanti di morte sono le narcomafie e le compagnie farmaceutiche che sul proibizionismo e l’illegalità ci guadagnano lautamente e non chi da anni si ritrova per una libera manifestazione di discussione che ha al centro temi quali: il sostegno a pratiche di riduzione dei rischi, l'utilizzo della cannabis a fini medici, il contrasto a ogni cultura securitaria".

Rincara la dose e si unisce al coro dei contrari alla manifestazione invece Lorenzo Paladini, coordinatore comunale di Forza Italia Giovani, che oggi sulla sua auto parcheggiata ha trovato un volantino che indicava la sosta vietata sabato 31 maggio sul percorso del corteo. "Ormai il Cannapisa è ufficialmente l'evento inaugurale del Giugno Pisano - dice ironico Paladini - la discussione sulla liberalizzazione o meno delle droghe è complessa e attuale, ma non deve essere banalizzata attraverso manifestazioni folkloristiche con profili di illegalità. Oggi dobbiamo dirlo forte #noCannapisa, la città non può essere bloccata e devastata da chi la legge non la cambia, la aggira".

TUTTI I PROVVEDIMENTI AL TRAFFICO PREVISTI
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canapisa, Sgherri (Fds): "I veri mercanti di morte sono le narcomafie e le compagnie farmaceutiche"

PisaToday è in caricamento