Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Raccolta porta a porta, cancelli dei condomini aperti: "In pericolo la sicurezza"

A Cisanello e Pisanova a settembre si passa alla raccolta porta a porta ed è prevista l'apertura degli accessi dalle 6 alle 13 per facilitare gli operai Geofor. Gli amministratori di condominio: "Ordinanza da ripensare, aumenteranno i furti"

Secondo l'ordinanza del Comune sulla raccolta del porta a porta, per consentire le operazioni degli operatori di Geofor, i cancelli automatizzati dei palazzi dovranno restare aperti dalle 6 alle 13 di ogni giorno. Per gli amministratori di condominio di Anaci questa previsione danneggerà in alcuni casi la vivibilità e soprattutto causerà un aumento dei furti.

La sperimentazione c'è stata a Ospedaletto/Montacchiello, Coltano, Oratoio, Putignano, Riglione e Sant'Ermete, a partire dal mese di settembre il porta a porta dei rifiuti scatterà anche per Cisanello e Pisanova. Si tratta di quartieri ad altissima densità abitativa ed Anaci è preoccupata per l'organizzazione del servizio: "In queste settimane si sono già svolte alcune riunioni e una serie di sopralluoghi nei condomini alla presenza degli addetti Geofor e degli amministratori per programmare e illustrare la delicata operazione. Sono emerse già alcune criticità, segnalate dagli inquilini dei fabbricati e dalle famiglie, che mettono a rischio la sicurezza delle abitazioni".

Secondo il presidente Anaci Pisa Carlo Malvogli "Cisanello e Pisanova sono quartieri delicati, con palazzi e fabbricati di grandi dimensioni, spesso abitati da studenti o giovani coppie fuori per lavoro o studio per gran parte della giornata. L'attenzione deve essere massima, è chiaro che l'ordinanza per il porta a porta va modulata e riletta a seconda delle esigenze dei singoli quartieri. In questo caso (ma questo vale anche per il prossimo futuro, con l'ingresso del porta a porta in tutto il resto della città) quel che è stato valido per la prima fase sperimentale non lo può essere adesso".

I timori degli amministratori hanno fondamenta in comportamenti passati, più la paura di un incremento di furti: "Va precisato che in taluni casi l’installazione del cancello automatico si è reso necessario per evitare vere e proprie invasioni del cortile condominiale. Per esempio negli stabili che si trovano in prossimità del mercato il cui piazzale proprio nei giorni in cui si tiene il mercato viene preso d'assalto e usato come parcheggio, stabili in cui i posti auto nella pubblica strada sono a pagamento (oramai quasi ovunque), stabili che per loro conformazione possono ospitare molte auto nel proprio cortile. Senza dimenticare il quasi certo moltiplicarsi di furti di bici, scooter, motorini, piante e arredi".

La richiesta è quindi quella di un ripensamento dell'ordinanza. Ecco alcune idee di Anaci per evitare l'apertura oraria: “L’installazione di appositi dispositivi (anche a spese del condominio) in modo che con un unico telecomando sia possibile aprire tutti i cancelli. In alternativa si può provvedere ad installare pulsanti all’interno con possibilità di interagire con il personale Geofor facendo accedere gli addetti unicamente come pedoni per poi aprire il cancello".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta porta a porta, cancelli dei condomini aperti: "In pericolo la sicurezza"

PisaToday è in caricamento