Cronaca

Cancro del platano: come contrastare il contagio

Potature e abbattimenti da comunicare al Servizio fitosanitario della Regione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Processionaria, punteruolo rosso, cancro colorato. Attaccano rispettivamente pini, palme e platani. Sono tre parassiti degli alberi presenti anche sul territorio di Cascina e al cui contrasto il Comune si dedica anche informando i cittadini su come trattare le piante colpite.

Mentre le norme su come contrastare la processionaria e il punteruolo sono piuttosto diffuse, meno conosciute sono le misure adottate dalla Regione Toscana per contrastare il cancro colorato del platano. Si tratta di un fungo che fa assumere ai rami e alla corteccia dell'albero una colorazione rossiccia. Il fungo attacca gli alberi fino a farli morire e si diffonde dalle piante infette a quelle sane sia per contatto radicale, sia a causa delle operazioni che l’uomo effettua: scavi, recisioni, potature o eliminazione delle piante infette, trasporto del legname infetto.

Durante queste operazioni si producono grandi quantità di segatura e frammenti di legno. Il fungo conserva le sue funzioni vitali per diversi anni nel materiale legnoso e può essere trasportato dal vento o da veicoli in transito lungo le strade, dai corsi d’acqua e da tutti gli arnesi utilizzati per il taglio del legno o per il suo trasporto.
Ecco perché la Regione Toscana ha predisposto un piano di azione regionale per contrastarne la diffusione. Il piano indica anche quali adempimenti e obblighi devono seguire i proprietari e gli operatori del verde urbano quando intervengono sui platani.
Qualsiasi operazione di potatura, abbattimento, scavo o recisione radicali deve essere comunicata preventivamente al Servizio fitosanitario regionale della Toscana. La mancata comunicazione comporta una sanzione che va dai 500 ai 3mila euro.

Gli interventi di potatura ordinaria possono essere effettuati solamente durante il riposo vegetativo delle piante, ovvero dal 1 novembre al 31 marzo.
Deroghe sono previste nei casi in cui le piante costituiscano imminente pericolo all'incolumità o provochino guasti alle infrastrutture della rete gas, idrica, elettrica o telefonica.

Per maggiori informazioni, sia il piano di azione regionale, sia la modulistica necessaria è disponibile sul sito del Comune di Cascina nella categoria "Ambiente" alla voce "Cancro colorato del platano".
Il Servizio fitosanitario della Toscana può essere contattato via mail scrivendo a serviziofitosanitario@regione.toscana.it e ha una propria sede a Pisa, in via Roma 3, tel. 050 8006111.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cancro del platano: come contrastare il contagio

PisaToday è in caricamento