Cronaca

Capitale Europea Cultura, il sindaco: "Lo facciamo per noi, non danneggiamo nessuno"

Il primo cittadino Marco Filippeschi, dopo le polemiche dei giorni scorsi con il governatore Rossi, è intervenuto per la prima volta sull'argomento, sottolineando che "comunque finirà, il lavoro fatto resterà per Pisa"

Marco Filippeschi con Enrico Rossi

Tutti d'accordo nel proseguire con la candidatura a Capitale della Cultura 2019. Consiglio e Giunta Comunale vogliono provarci, come ha confermato ieri lo stesso sindaco Marco Filippeschi, dopo le polemiche che si erano accese nei giorni scorsi con il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Pisa va avanti con la candidatura a capitale europea della cultura nel 2019, come da orientamento dell'intero Consiglio Comunale" ha annunciato ieri il primo cittadino.

"Pisa - ha aggiunto Filippeschi che per la prima volta è intervenuto direttamente sulla questione - ha titoli e progetti che è giusto e legittimo presentare. Abbiamo deciso la presentazione della nostra candidatura sapendo che la commissione esaminatrice giudicherà ogni città e il suo progetto una per una. Non corriamo contro nessuno, non danneggiamo la Regione Toscana, corriamo per noi. Consapevoli che comunque finirà, il lavoro fatto resterà per Pisa quale patrimonio di progetti e idee che varrà la pena di attuare''.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitale Europea Cultura, il sindaco: "Lo facciamo per noi, non danneggiamo nessuno"

PisaToday è in caricamento