rotate-mobile
Cronaca San Miniato

San Miniato: si dimentica il cane legato e lo trascina con l'auto fino in città

L'episodio è successo a San Miniato, dove un anziano cacciatore ha legato il cane all'auto ed essendosene dimenticato l'ha trascinato per chilometri, ferendolo gravemente

Dopo la terribile vicenda del cane lanciato da un'auto in corsa, l'agenzia di stampa GeaPress rende noto un altro episodio di violenza, anche se questa volta non volontaria, ai danni di un segugio. I fatti sono successi ieri mattina a San Miniato: un 78enne, di rientro da una battuta di caccia, avrebbe legato il suo segugio di circa 8-10 anni al gancio della sua Fiat panda. Dimenticandosi del cane ha messo in moto l'auto tornando ed è tornato a San Miniato, dove è arrivato con il povero cane sanguinante ed il portellone posteriore aperto. 

Il segugio, ricoverato presso un ambulatorio, è già stato operato una prima volta. Il veterinario non ha escluso la possibilità di un secondo intervento, specie per ricostruire le parti lacerate. Più suture sarebbero state eseguite ed al cane sono attualmente somministrate flebo ed antibiotici. Il pericolo è quello di necrosi ed infezioni.

L'uomo è un cacciatore con regolare licenza di anni 78 anni e portatore di strumento acustico. Non ha voluto trascinare il cane volontariamente,  questo per la contestazione del reato è un problema: infatti l maltrattamento di animali colpisce la condotte dolose e non colpose.

Secondo quanto riferito a GeaPress dal capitano Dario Pancanti, comandante delle Polizia Municipale di San Miniato, una volta fermato dalle persone, l'uomo era affranto. Un cane al quale era affezionato e che per molto tempo gli era stato utile alla caccia. Sicuramente si è trattato di un atto di negligenza: in molti hanno riferito di una scia di sangue portata fino in paese.

Niente dolo dunque e niente accusa per maltrattamento di animali. La legge sul maltrattamento è stata privata delle ipotesi di colpa messe in atto senza volontà. Un fatto che potrebbe portare all’archiviazione del fascicolo aperto contro un altro cacciatore in provincia di Brescia. L'uomo che seppellì vivo, ma senza accorgersene, il proprio cane poi trovato e recuperato dalla Polizia Municipale.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Miniato: si dimentica il cane legato e lo trascina con l'auto fino in città

PisaToday è in caricamento