Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Cantieri di Pisa, la mossa del liquidatore non piace: incontro con un gruppo romano

Mentre si attendono le due riunioni convocate urgentemente dall'assessore regionale al lavoro, l'atmosfera resta tesa dopo l'annuncio di un preliminare di accordo con un gruppo franco-cinese effettuato da Federico Galantini

Un gruppo romano, oltre a quello franco-cinese presentato dal liquidatore del Gruppo Baglietto Federico Galantini, interessato a rilevare i Cantieri di Pisa. Si tratta di Mv yachting, i cui rappresentanti sono stati incontrati sia dall'amministrazione comunale che da quella provinciale.

"Da mesi il liquidatore del gruppo Baglietto, Federico Galantini, non parla con il Comune e il mio giudizio sul suo modo di procedere relativamente alla cessione del ramo d'azienda è negativo" ha detto ieri il sindaco Marco Filippeschi in apertura del Consiglio Comunale, nel corso del quale è stata approvata all'unanimità una mozione di solidarietà ai lavoratori proposta dal gruppo consiliare Una città in comune - Prc. Il primo cittadino ha anche affermato di "aver incontrato questa mattina (ieri, ndr) i signori Moccia e Rubino in rappresentanza di Mv Yachting. Subito dopo mi sono recato presso i Cantieri dove ho incontrato i rappresentanti dei lavoratori e dove ho espresso la mia solidarietà alle maestranze. Ho chiesto all’assessore regionale Simoncini, che ha convocato due riunioni, il 15 con le Istituzioni e il 17 con i Sindacati, come richiesto appositamente dal liquidatore Galantini, di tenere la prima significatamente a Pisa. Sulla sostanza delle offerte di acquisizione dei Cantieri aspettiamo di avere più carte in mano per giudicare. Comunque, fin da ora, posso dire che sarà necessario che il Consiglio Comunale segua e faccia sentire la sua voce sulla vertenza".

Anche la Provincia di Pisa, con il presidente Andrea Pieroni e l’assessore all’occupazione Anna Romei, ha incontrato, alla presenza anche del segretario territoriale di Cgil, Gianfranco Francese, e di delegati dei lavoratori, i rappresentanti di Mv Yachting. “I signori Moccia e Rubino ci hanno informati circa l’offerta economica e il progetto industriale presentati al curatore fallimentare Galantini, alle quali non hanno avuto, peraltro, alcuna risposta - affermano Pieroni e Romei - preso atto di questa volontà concreta di acquisizione dei Cantieri (manifestata da soggetti che hanno esperienza e competenza specifiche nel settore), riteniamo che tale offerta debba, da Galantini, essere recepita e valutata. E abbiamo chiesto all’assessore al lavoro della Regione, Gianfranco Simoncini, la riconvocazione del Tavolo regionale, per far venire allo scoperto lo stesso Galantini in merito all’annunciata offerta del gruppo corso-cinese Union Strong Marine Holding, visto che, ad oggi, nonostante averne chiesto informazione, non abbiamo cognizione alcuna circa il preliminare d’accordo siglato con questo soggetto economico”.
La vicenda, conclude la Provincia, “si protrae da troppi anni. I dipendenti si sono messi in gioco: non possiamo perciò andare oltre o tergiversare, visto che il quadro si è finalmente mosso e che sembrano prospettarsi le condizioni per far riprendere davvero l’attività di un marchio prestigioso della nautica pisana”.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri di Pisa, la mossa del liquidatore non piace: incontro con un gruppo romano

PisaToday è in caricamento